«Ma allora le ossa non fanno solo male, ci si può anche divertire». Simone è uno dei bambini dai cinque anni in su che ha conosciuto Omero alla biblioteca comunale di Bacoli qualche giorno al laboratorio “Nati per leggere” disegnando e giocando. Glielo ha presentato la scrittrice milanese, con domicilio napoletano dal 2014, Chiara Patarino che gli ha dato vita, insieme alla buffa famiglia degli Ossetti.

L’idea è nata dall’incontro con il chirurgo ortopedico Luigi Grosso, fondatore di un ambulatorio per la spalla al San Gennaro di Napoli.
Insieme hanno lanciato il progetto “Omero, l’osso del mistero” libro in italiano e inglese (al racconto si aggiungono consigli pratici per i genitori), e-book interattivo, forse anche l’ app, un cartoon e punti di lettura, partendo dalle scuole.

La storia di Omero gi  conquista consensi tra piccoli e adulti lungo una serie di incontri, recente anche quello al reparto Ortopedia dell’ospedale Santa Maria delle Grazie a Pozzuoli.
Percorrendo la strada del crowdfunding, sintetizzato dalla pagina www.kisskissbankbank.com/omero-l-osso-del-mistero )per raccogliere, cos, i soldi necessari a realizzarla, fino al 12 luglio. La somma da raggiungere 13 mila euro. L’adesione è stata lusinghiera si è arrivati a oltre diecimila, manca poco meno di una settimana alla deadline
A far compagnia a Omero, tra gli altri, ci sono anche Ginocchio, Costoletta e Piedone stanno facendo il pieno di simpatia tra i giovanissimi che ne sono venuti a contatto. Un modo intelligente per far scoprire il corpo e prendersene cura con amore. Affiancano i personaggi, i disegni di Christian Canovi e Maurizio Roggerone dello Studio genovese Moai.

Dietro la campagna di sensibilizzazione alla conoscenza e alla prevenzione, c’è l’esperienza di Chiara che da bambina amava volare
«con la fantasia, ascoltare fiabe piene di emozione e che aveva un sogno nel cassetto… Scrivere anche lei storie fantastiche e sorprendenti per accarezzare i cuori dei lettori, per farli partecipare al proprio mondo d’immaginazione… ».

E senza smettere di sognare, facendo i conti la realt , lavorando, dopo la laurea in Giurisprudenza, nel campo della divulgazione scientifica all’istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova,
si innamora di Tino il cioccolatino e finisce per costruirgli intorno, con Aurora Marsotto, un mondo di avventure per le edizioni Piemme, nella Collana Battello a vapore. Tino va all’Opera di Parigi con la sua caramella del cuore, Nugabella ma anche nella Foresta nera, in Sudamerica e sulla cima del Vesuvio e affascina Russia e Brasile che acquistano i diritti per pubblicarne presto la serie.
Gustosi, i libri di Chiara, spalancano una finestra sulla corretta alimentazione dopo Tino, arrivano Camillo Fusillo alla scoperta di un misterioso universo “pastoso”, Fortunata Arancia Profumata dal Paese di Macedonia e Giginzucchina da Cipollonia dove l’aria profuma di salvia e rosmarino, prodotti da Carthusia Edizioni.

E adesso scende in campo Omero, con la sua simpatia e con la complicit  dei suoi compagni di strada,
con tutti i numeri per sollecitare attenzione e creativit . I suoi giovani fan non vedono l’ora di trovarlo in libreria. Per farlo diventare la mascotte di casa.

Nelel foto, l’autrice con il suo mondo di Ossetti e bimbi che lo colorano durante il laboratorio a Pozzuoli