Dream# & Fairy Tales a Napoli. PrimoPiano e il Premio Arte Laguna (di cui la galleria partenopea è partner sin dai suoi inizi) presentano la doppia personale di Rori Palazzo, vincitore del Premio Speciale Galleria PrimoPiano Arte Laguna edizione 2013 e Simon Brann Thorpe, vincitore del Premio Speciale Galleria PrimoPiano Arte Laguna edizione 2012.

Le opere dei due artisti giocano apertamente con la realt , conservando però la consapevolezza dell’impossibilit  di compiutezza o totalit  e quindi rinunciando all’organicit  e all’arbitrariet  del realismo. Le loro opere sono come un mondo intermedio, che pendola tra la dimensione falsamente rassicurante del quotidiano e gli stati visionari, frantumando effimeri equilibri.

Al centro di tutto la Parola, come unica e comune necessit  in maniera carsica e misteriosa i due artisti la indagano, la cercano.
La Parola che è prima delle parole, quella che ha smarrito la sua efficacia o che è divenuta menzogna, avvalendosi del loro linguaggio, la fotografia. Il rapporto magico con la realt  e la ricerca della Parola tradita esigono l’espressione nello spazio, condizione primaria che riesce a destare l’attenzione di tutti come in un esorcismo, dove è la parola stessa a essere stata posseduta dalla diabolica banalit  e dove l’arte ha il compito di scacciare il maleficio dell’ovvio.

“Le favole che Simon Brann Thorpe ci propone– si legge nella presentazione alla mostra- non sono inversioni o vendette ma quanto fu altamente probabile. Una visione che non vuole snaturare il racconto piuttosto cogliere un pensiero che la parola delittuosamente edulcora per scopi morali e di controllo sociale. V’è del grottesco nell’umano tentativo di seppellire la vita con atti consolatori, del comico senza ingenuit .

Le scene all’ombra di ben curati ed educati bonsai,posti in case finalmente disadorne, disorientano perch sono la vita stessa in ciò che ha d’irrappresentabile.
La non rappresentabilit  del sogno, la volont  di non lasciare intervenire la logica psichica che fagocita con innumerevoli interpretazioni la magia che esso possiede. Il compito che l’artista palermitana si d  è quello di organizzare il sogno degli altri rintracciando quella Parola primordiale.
Il processo è lo stesso di quello descritto da Freud “I pensieri sono trasformati in immagini soprattutto visuali e le rappresentazioni di parole sono ricondotte alle rappresentazioni di cose corrispondenti, proprio come se l’intero processo fosse dominato da una sola preoccupazione l’attitudine alla messa in scena.”
Rori Palazzo estende quel linguaggio psichico in un tentativo di decifrare un geroglifico, con un’organizzazione che si abbandona all’intuizione pura o anche al probabile e forse auspicabile, caos. Le sue mises en scène hanno gli stessi strumenti e lo stesso linguaggio che hanno i sogni, le immagini visive che diventano deciframento di una scrittura figurativa.

Palazzo fa irradiare e trionfare sulla scena
ciò che, citando Artaud, appartiene all’illegibilit  e alla fascinazione magnetica dei sogni.

Dream# di Palazzo
Fairy Tales di Thorpe

a cura di Antonio Maiorino

Vernissage gioved 12 dicembre 2013- ore 19
Galleria PrimoPiano Via Foria 118 Napoli
Orari di visita fino all’ 8 gennaio 2014 mar. mer. gio. dalle 1600 alle 2000
dal 9 gennaio al 6 febbraio 2014 solo su appuntamento

In occasione del weekend del contemporaneo la Galleria PimoPiano sar  aperta sabato 21 e domenica 22 dicembre 2013 dalle 15 alle 20

Nella foto, “Dream 01” di Rori Palazzo, vincitrice del Premio speciale Galleria PrimoPiano ArteLaguna edizione 2013 e “Alice” di Simon Brann Thorpe, vincitrice del Premio speciale Galleria PrimoPiano ArteLaguna edizione 2012