La nuova  casa partenopea della Fondazione Eduardo De Filippo è lo storico Palazzo Scarpetta di via Vittoria Colonna. La sede sarà inaugurata domani mattina (giovedì 3 maggio) alle 11.30 a Napoli con la presentazione ai giornalisti della mostra Roberto Capucci. Spettacolo onirico, curata da Caterina Napoleone, omaggio allo stilista romano che parteciperà all’incontro insieme con Carolina Rosi, Giovanni Gavazzeni, Gabriele Mayer e la curatrice. L’esposizione sarà aperta al pubblica dal 4 maggio sino alla fine di giugno.
E’ la prima volta che il suo insieme di follie viene proposto a Napoli: un aspetto inedito rispetto del couturier d’Alta Moda femminile, celebre nel mondo. Capucci ha realizzato,  dagli anni Novanta, infatti, anche una suite di disegni con repertorio di costumi maschili per il teatro, caratterizzati da un tratto visionario.

Qui sopra, l'invito alla mostra. In alto Eduardo De Filippo
Qui sopra, l’invito alla mostra. In alto, Eduardo De Filippo

Una sala della mostra è dedicata al confronto fra immagine e studio preparatorio. Prototipi in carta a grandezza naturale restituiscono la suggestione degli originali disegnati a matita illustrando il suo metodo di lavoro, dal progetto all’esecuzione. Un work in progress da cui scaturiscono veri e propri oggetti, complementari alle opere esposte, realizzati dagli ex allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli di Gabriele Mayer, con la sua supervisione.
Accompagna l’evento il catalogo edito da ARTE’M che contiene una biografia del maestro, la sintesi delle sue mostre e scritti di Carolina Rosi, Caterina Napoleone, Eike D. Schmidt, Giovanni Gavazzeni, Gabriele Mayer.