Quattro appuntamenti per il palcoscenico a Salerno. Con la rassegna “Per voce sola – parole della nostra scena”, ideata e diretta dal giovane produttore salernitano Vincenzo Albano. Il progetto è stato presentato ieri nella sala giunta del Comune di Salerno con Antonia Lezza, docente di letteratura teatrale italiana all’ateneo salernitano, gli assessori del comune di Salerno Ermanno Guerra (cultura), Enzo Maraio (turismo) e il direttore della rivista Puracultura Antonio Dura, magazine mediapartner della rassegna.
L’iniziativa parte con l’augurio di un grande del teatro contemporaneo, Maurizio Scaparro (di cui Albano è stato allievo) espresso in una lettera per sostenere un’iniziativa coraggiosa che punta (in autoproduzione) a portare sul territorio eccellenze del teatro nazionale con visibilit  anche nel mondo. “Dissonorata”, “Trittico del mio byte”, “Cante e schiante” e “La merda”, i quattro spettacoli in programma.
Si comincia il 26 settembre con Scena verticale Castrovillari (CS) che porta sul palco “Dissonorata/Un delitto d’onore in Calabria”, scritto, diretto e interpretato da Saverio La Ruina con musiche originali eseguite dal vivo da Gianfranco De Franco. Il lavoro è incentrato sull’amara vicenda di una donna calabrese, vittima della societ  maschilista.
Il 3 ottobre è la volta di “Trittico del mio byte”, di Formiche di vetro teatro Roma/Salerno, scritto, diretto e interpretato da Luca Trezza, autore/attore salernitano, ormai trasferitosi a Roma per motivi professionali, torna nella sua citt  con un’anteprima nazionale sui temi del distacco e della separazione.
Il 17 ottobre, la rassegna, dal Piccolo Teatro del Giullare, per motivi di spazio, si sposta al Centro sociale di Salerno (Via R. Cantarella – Pastena), dove Cristian Ceresoli e Marta Ceresoli, con Richard Jordan productions e produzioni Fuorivia, in collaborazione con Summerhall (Edimburgh), Soho Theatre (London), Gorki Theater (Berlin), Teatro Valle Occupato (Roma) e il supporto di The Basement (Brighton) presentano Silvia Gallerano in “La Merda”, di Cristian Ceresoli, lo spettacolo che in assoluto sta avendo più successo negli ultimi due anni sia in Italia che all’estero, per la sua forza dirompente.
Infine, il 24 ottobre Marina Commedia societ  teatrale napoletana, di Bacoli, porta al Giullare “Cante e schiante”, di e con Mimmo Borrelli (in foto), musiche di Antonio Della Ragione. Viaggio nella poetica di uno dei più importanti drammaturghi contemporanei. Borrelli in rassegna curer  anche un laboratorio intensivo sul monologo.

Per voce sola – parole della nostra scena
rassegna ideata e diretta da Vincenzo Albano

Piccolo Teatro del Giullare di Salerno

Ingresso 10 euro
Par saperne di più
(erreteatro.info@gmail.com – 348 0741007)