Chi ama l’opera e le grandi voci della lirica non può perdere l’occasione per ascoltare alcuni dei nomi più famosi del firmamento operistico mondiale. Un incontro unico, irripetibile. Tre appuntamenti all’Auditorium di Napoli per la stagione del Teatro di San Carlo il primo, sabato 15 (ore 18) e domenica 16 (ore 20.30) novembre, vede l’esibizione del soprano Violeta Urmana diretta da Jeffrey Tate ne “La morte di Cleopatra” di Berlioz e “Morte e trasfigurazione di Isotta” di Wagner. Quindi sabato 22 (ore 18) e domenica 23 (ore 20.30), sul palcoscenico dell’Auditorium si incontreranno le più belle voci liriche dei nostri giorni ancora la Urmana, affiancata dal mezzosoprano Marianne Cornetti, dal tenore Salvatore Licitra, dal baritono Franco Vassallo e dal basso Roberto Scandiuzzi. Insieme proporranno le arie più belle e suggestive del “Don Carlo”, sempre con la direzione di Jeffrey Tate. Una ricca antologia che permetter  di ripercorre uno dei capolavori di Verdi. Infine, un’altra occasione unica gli stessi cantanti, questa volta con la direzione di Antonio Pirolli, sabato 29 (ore 18) e domenica 30 (ore 20.30) novembre, proporranno le arie più incantevoli delle opere liriche più famose di tutti i tempi. Un carosello operistico che va da “Manon Lescaut” a “Cavalleria rusticana”, da “Adriana Lecouvreur” a “La Gioconda”, dai “Vespri siciliani” a “I Puritani”, toccando anche brani di opere pregevoli, ma poco conosciute, come “Salvator Rosa” di Gomes o “Il segreto di Susanna” di Wolf-Ferrari.

Nella foto, il soprano Violeta Urmana