Maggio Giovani, con il Fai Napoli, alla sua seconda edizione. Ogni sabato, itinerari fra arte e natura riservati a un pubblico di visitatori tra i 18 ai 35 anni, per scoprire le bellezze, la storia e l’arte di una Napoli insolita e sorprendente.
Si parte sabato 12 maggio (alle 11) dal centro storico della città, alla scoperta dei sotterranei dell’ottocentesca Galleria Umberto I e del Salone Margherita. Il Salone, inaugurato nel 1890, nato sulla scia del successo dei Café-chantant francesi sul modello parigino del Moulin Rouge e Folies Bergère, è stato sede del primo cinematografo di Napoli, nonché teatro di grandi feste, spettacoli di cabaret e intrighi d’amore tra la borghesia napoletana e le vedette d’oltralpe. Simbolo della Belle époque italiana, dopo un periodo di crisi che ha portato alla chiusura nel 1982, ospita attualmente principalmente esibizioni di ballo e Tango Milonga. (Galleria Umberto I – Lato Via Verdi, ingresso Salone Margherita. Visite a cura dei volontari FAI Giovani. Ingresso gratuito. Visita a contributo libero).
Sabato 19 maggio ci si sposterà nel cuore della Napoli popolare, nel quartiere dove nacque Totò, la Sanità. Per visitare, alle 10,  la chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini, detta della Misericordiella, parte del più ampio complesso comprendente l’ex ospedale e l’oratorio di Santa Maria della Misericordia, gestito dall’arciconfraternita omonima che ne è proprietaria.
La chiesa è sede dell’associazione culturale, Smmave – Centro per l’Arte Contemporanea presieduto dall’artista Christian Leperino, impegnata nella pulizia, nel recupero e nella  valorizzazione della struttura per trasformarla in luogo di ricerca, didattica e produzione artistica. (Visite a cura dell’associazione SMMAVE. Contributo di partecipazione 3€).
Passeggiata finale sabato 26 maggio (ore 17,30)  al parco letterario di Nisida. L’isolotto (foto), bene del demanio dello Stato di pertinenza del Ministero della Giustizia come sede di un importante Istituto penale Minorile, del Centro Studi Europeo sulla criminalità minorile e di altri servizi della Giustizia Minorile, è una piccola oasi di straordinaria bellezza naturalistica, caratterizzata da una ricchissima flora e fauna.
Il progetto Nisida parco letterario ha mosso i suoi primi passi alcuni anni fa  quando la docente Maria Franco, con i giovani ospiti dell’Istituto, ha iniziato a raccogliere opere letterarie ispirate a questa piccola isola, esaltata fin dall’antichità da decine di autori, che, molto spesso, non si sono limitati a descriverla, ma ne hanno tratto spunti per la creazione di personaggi indimenticabili. (Via Nisida. Ingresso gratuito. Visita a contributo libero).


Prenotazione obbligatoria su
www.faiprenotazioni.it