Un ponte tra Nord e Sud per migliorare la  qualità di vita dei pazienti. E’ quello creato dall’azienda Pharmaelle impegnata  contro l’adrenoleucodistrofia, malattia rara, misconosciuta e altamente invalidante.  Affiancando, con l’energia dell’impresa, attraverso  la fornitura di Aldixyl e di OILife,  l’associazione italiana adrenoleucodistrofia (Aiald), presieduta da Valentina Fasano, con sede  in Campania, epicentro partenopeo e ramificazione nazionale.
Tra le altre sfide dell’azienda torinese: migliorare la quotidianità di chi è affetto da fibrosi cistica e un nuovo equilibrio possibile per chi si è sottoposto alla chirurgia bariatrica per la riduzione di peso.
Con nuovo quartier generale a Villarbasse, nata nel 2013, Pharmaelle si è proiettata in tutto il paese con idee innovative, coniugando la competenza chimico-farmaceutica con la gestione manageriale e quella legale. E mettendo su una  squadra di lavoro appassionata e determinata. Affinché ogni talento sia valorizzato e posizionato nel posto più opportuno.
Spiega il ceo Roberto Vico: «Questo lavoro di selezione non dev’essere limitato solo alla fase di start up, ma deve seguire tutte le fasi di sviluppo e di espansione di un’azienda, perché è necessario continuare ad attrarre talenti. E’ un circuito virtuoso: l’azienda, infatti, deve credere nelle proprie risorse e le risorse, progressivamente inserite, devono credere nell’azienda, sposandone operato e obiettivi di crescita e sviluppo».
Il principio da cui parte:  non tradire mai l’impegno etico,  trovando il punto d’incontro tra i medici e pazienti. E lungo questa linea etica parlano  il linguaggio dell’eccellenza i fornitori scelti e le partnership strette, di calibro sovranazionale.
Quella con la Alpiflor e quella con Vitux, produttrice della matrice lipidica che, con un’esclusiva internazionale, è protagonista del complesso vitaminico Effeci Vitadek (foto), nella cosiddetta formulazione jelly, indicato per i pazienti con fibrosi cistica, per integrare la loro alimentazione con vitamine liposolubili ad elevata biodisponibilità.
Da segnalare anche il il supporto di Pharmaelle alla squadra dei Lions Rugby di Bologna che, attraverso uno sport sano ed affrancato da stringenti logiche di mercato, educano le giovani generazioni, all’importanza di un corretto stile di vita, comprese, ad esempio quelle dei bambini e degli adolescenti affetti da fibrosi cistica, per i quali lo sport è fondamentale, al fine di migliorare le prestazioni polmonari e cardio-respiratorie, ma anche per favorire l’espulsione degli accumuli bronchiali.