Un evento importante  per le giornate europee del patrimonio.  La riapertura del museo archeologico George Vallet a Piano di Sorrento (Villa Fondi, via Ripa di Cassano), sabato 23 settembre, alle 17. Un evento che ne propone un altro. Sarà occasione, infatti, per inaugurare la mostra Luci, ombre e acque di Alessandra Giovannoni.
Il museo, il primo dedicato all’archeologia nella penisola sorrentina, venne inaugurato nel 1999 e intitolato allo studioso, accademico di Francia Georges Vallet, che lo aveva fortemente voluto. Ospita le collezioni  più recenti e prestigiose per illustrare le fasi di popolamento, dall’età preistorica fino all’età romana, di uno dei territori più belli del golfo di Napoli. Un patrimonio archeologico arricchito dalle scoperte degli scavi e dal recupero dei tanti materiali dispersi in collezioni private e in altri Musei che hanno permesso di delineare il quadro storico – archeologico dell’intero territorio.
Il nuovo  allestimento del Museo presenterà, per la prima volta, reperti di grande fascino e importanza quali i Leoni in tufo del  VI sec, a,C. collocati a guardia  della sepoltura di Liparos , mitico fondatore di Sorrento.
E  in questo scenario, saranno proposte le opere di un’artista che raffigura profondi paesaggi abitati da poche figure essenziali. E la sua esposizione viene presentata, come scrive Anna Imponente, direttore del Polo museale della Campania «…in una cornice quanto mai eloquente, quella del museo sorrentino arricchito  dallo splendido ninfeo romano situato nei giardini della Villa… in cui più suggestivo è l’incontro tra i due mondi, quello della cultura testimoniato dagli elementi figurativi mosaicati e da quelli architettonici e quello naturale, con la vegetazione e gli specchi d’acqua, gli stessi temi che si ritrovano nei paesaggi contemporanei di Alessandra Giovannoni. La sua produzione è incentrata sulla percezione di alcuni luoghi, in particolare della Capitale, prima fissati su dei taccuini come appunti itineranti, poi rielaborati dall’artista…».
In foto, leone in tufo del VI sec  a. C.
Per saperne di più sulle giornate europee del patrimonio
http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_1066523296.html