Pronta a consacrarsi definitivamente come appuntamento fisso per napoletani e, si spera, turisti, la festa di Piedigrotta quest’ anno propone un programma ricco e variegato, spalmato su dieci giorni (3-10 settembre), che punta a realizzare un considerevole aumento di presenze rispetto ai due anni precedenti, nei quali pure la popolazione partenopea ha ben risposto.
dal 2007 infatti che Comune, Provincia e Regione hanno puntato sul rilancio della festa popolare, tra le più antiche e sicuramente la più sentita in citt . O almeno cos era in passato. La tradizione racconta che le origini della festa risalgono ai baccanali destinati a propiziare la fecondit , che si celebravano in onore del dio Priapo, nei pressi della Crypta Neapolitana. Riti che continuarono anche con l’ avvento del cristianesimo e che furono poi incorporati nella religiosit  cristiana allorch fu costruito, nel XIV secolo, nei pressi della Crypta, una cappella, nel luogo in cui tre persone avevano sognato la Madonna. La chiesa, rifatta ed ingrandita nel XVI secolo, divenne il centro della festa popolare dell’ allora borgo di marinai, che per celebrare la ricorrenza scelsero l’ 8 settembre, giorno della nativit  di Maria. Da allora la festa ha attraversato i secoli, intrecciandosi sempre più all’ anima della citt , ereditata prima dai Borboni e raggiungendo nell’ 800 il massimo splendore, quandofungeva da trampolino di lancio per la canzone napoletana nel mondo, prima di un inesorabile declino che ha caratterizzato la seconda met  del ‘900.

Fino appunto alla rinascita di questi anni. La linea che le istituzioni intendono seguire appare ben delineata, e punta ad un’ internalizzazione dell’ evento, che seppur con un occhio alla tradizione, dia all’ estero un’ immagine di una Napoli perfettamente a proprio agio nella dimensione culturale contemporanea. E gli eventi in programma non fanno che darcene conferma :

s’ inizia il 3 con l’ apertura della mostra “Futurismo 100×100 cento anni per cento manifesti” che celebra il centenario della nascita del movimento futurista, che a qui in citt  trovò terreno fertile, pur non essendo la stessa l’ epicentro dell’ avanguardia;

il 5 sar  la volta dei carri, dieci, uno da ogni municipalit , ispirati all’ ideologia futurista, che sfileranno da Palazzo Reale fino alla Rotonda Diaz;

l’ 11 è la data da non dimenticare : a Piazza del Plebiscito si esibir  Elton John, che per la prima volta ha accettato di esibirsi in una piazza italiana nell’ ambito di una qualche manifestazione; un concerto-evento gratuito da non perdere.

Durante tutta la durata dell’ evento, e anche oltre, pare almeno fino a ottobre, in citt  ci sar  anche John Turturro; l’ attore e regista italo-americano, che vanta collaborazioni con i più grandi interpreti del cinema contemporaneo, da Scorsese a Spike Lee, è impegnato nelle riprese di un film sulla canzone napoletana, dal ‘200 fino ai giorni nostri (Napolitan Songs il titolo provvisorio). Turturro ammette di essere rimasto spiazzato di fronte alla vastit  del repertorio che dovr  affrontare, ma si è detto fiducioso sulla buona riuscita del lavoro, incerto ancora se sar  un vero e proprio film o piuttosto un documentario.

E con un tale programma davanti, Bassolino non può che ammonire : “Guai a perdere le proprie radici, ma guai anche a chiudere la storia in s stessa!”. Per il Presidente della Regione la citt  di Napoli “ha vissuto i momenti più belli quando ha saputo aprirsi al mondo, al contrario i più bui quando si è chiusa in s stessa”; sulla stessa linea di pensiero l’ assessore Marone, che, dopo le “inesistenti emergenze di quest’ estate, che tanto male hanno fatto alla citt “, punta ad un pronto rilancio.

Napoli capitale della cultura internazionale, quindi, e Piedigrotta potente mezzo di veicolo di questa realt . Rimane solo il dubbio che più di festa popolare si tratti di festival, ben lontano dal richiamare l’ atmosfera di quegli antichi giorni di festa del vecchio borgo di marinari dove, almeno per una notte pezzenti e potenti si sentivano uguali, e in cui il popolo scendeva in strada a festeggiare e a festeggiarsi.

Per saperne di più: www.festadipiedigrotta.it

In foto, la presentazione di Piedigrotta tra il pubblico e John Turturro