Piscatore,

piscatore a mare,

na varca,

na lenza e funno,

na vranca d’alice,

na matenata fora

e, quanno torno,

tengo cchiù forza

pe’ cumbattere e pe’ fatic .

All’alba, primma ca sponta o sole,

vaco a cerc  pe’ mare na posta bbona,

m’aiutano o Vesuvio e San Martino,

ll’aria fresca, o silenzio,

a jurnata ca se schiara.

Si e pisce nun mangiano,

nun m’arrenno, aspetto,

affonno a lenza,

ll’aizo nu poco,

n’atu ppoco ancora,

l’affonno, l’aizo, l’affonno, aspetto,

po’ tiro o fierro e vaco

addò me porta o mare.

Nu canistro ‘e pisce, miezu canistro

nun me mporta

e, si nun piglio niente

nun chiagno e nun jastemmo,

me porto a casa, ncapa e dint”o core,

a luce e ll’alba e o calore d”o sole

a mare.

Pescatore,/pescatore a mare,/una barca,/una lenza di fondo,/una manciata di alici,/una mattinata fuori/e, quando ritorno,/ho più forza per combattere e per lavorare./All’alba, prima che spunta il sole,/vado a cercare a mare una postazione buona,/mi aiutano il Vesuvio e San Martino,/l’aria fresca, il silenzio,/la giornata che si illumina./Se i pesci non mangiano, non mi arrendo, aspetto,/affondo la lenza,/la alzo un poco,/un altro poco ancora,/l’affondo, la tiro su, l’affondo,/aspetto,/poi tiro l’ancora e vado/dove mi porta il mare./Un cesto di pesci, mezzo cesto/non importa/e, se non prendo nulla/non piango e non bestemmio,/porto a casa, nella testa e nel cuore,/ la luce dell’alba e il calore del sole/ a mare .

*Giornalista e scrittore

La poesia è stata prescelta al convegno dell’associazione nazionale poeti e scrittori italiani (Pomezia 7/11-X-2010)