Poesia al bistrot letterario “Il tempo del vino e delle rose” guidato da Rosanna Bazzano.  Venerdì 6 aprile  alle 18 il locale napoletano di piazza Dante accoglierà  Roberto Deidier che si soffermerà sul volume  Solstizio parlandone con il poeta e critico letterario Carlangelo Mauro. Giacomo Giorgio ne leggerà alcuni versi.
Al libro (pubblicato nella collana «Lo Specchio» di Mondadori) Deidier (foto) affida sottilissime inquietudini e tensioni. Figura emblematica  è il trapezista, l’acrobata, sempre pericolosamente in bilico sul vuoto, sempre impegnato in un arduo eppure splendido e spettacolare gioco con gli attrezzi del suo esercizio. Attraverso cui  il poeta esprime il senso del proprio smarrimento nel mondo. Che affiora come nelle declinazioni opposte del solstizio, e dunque nell’aprirsi dello splendore estivo e poi nel ritorno dell’oscurità invernale.
Classe 1965, Deidier debutta come poeta  nel 1989, sulla rivista «Tempo presente»: alcune sue poesie sono presentate da Elio Pecora, con cui costruisce un lungo sodalizio affettivo e letterario. Il suo primo libro nel 1994, con le edizioni Sestante, per la collana «Il mare in tasca», diretta da Fernando Marchiori e Silvia Raccampo.
Per saperne di più
http://www.robertodeidier.it/