Rogiosi| ilmondodiusuk.com
Qui sopra, la copertina del libro di poesie edito da Rogiosi. In alto, il mare partenopeo visto da Palazzo Donn’Anna

Da Antonella Esposito riceviamo e volentieri pubblichiamo la poesia dedicata a Pino Daniele
OMAGGIO A PINO
‘E Napule/sarraje sempe ‘a voce/ purtave pò munno/ e cu tte ‘culure/ E ‘sta città,  Ca spisse ‘a tuorto ‘nfamata/” o sanghe/ te facevano arrevutà/ Napule è ‘na carta sporca/ E tutte quante/ se sciacquano a vocca/ E tu vocia ‘e popolo/ Ne cuntava ‘e tutte culure/ senza avè paura/ Napule stamattina/ s’è scetata scura/ E a dispiette d’ ‘ a morte/ Oggi è cchiù bella/ So’ mille e cchiù ” e culure/ A te vulè salutà.
                                                                               Antonella Esposito

L’autrice
Il talento fa parte del suo dna
. Napoli in ogni angolo ne dissemina un po’,  prodiga e  materna, anche se molto spesso si rivela un tantino matrigna e avara,  costringendo i suoi figli a fare le valigie per trovare il posto che  meritano altrove. Tra le tante sorprese che  la città  offre, ecco quella di Antonella Esposito di cui abbiamo sopra pubblicato una poesia c ispirata al cantautore  napoletano che l’ha rappresentata in tutte le sue sfumature.
Lei, quando non scrive, lavora all’edicola di piazza dei martiri, nel salotto di Chiaia, con il marito Don Ciro.
Schiva, timida, gentile, ha tirato  fuori dal cassetto le sue composizioni, raccolte dall’editore Rogiosi,  nel volume “Suonne ‘e bafuogne” (versi di rabbia e speranza). Dopo una lunga  latitanza e aver preferito per un bel po’ tenere per sé il soffio della ribellione in testa. Liberata, finalmente, dalle catene della paura di rivelarsi, grazie agli amici che l’hanno letta e  apprezzata in anteprima, incoraggiandola a continuare a esprimere il suo dissenso verso una  società insapore, incolore, inconcludente, Antonella si affida ora alla parola senza  più reticenze, per mettere a nudo  quanto  non va di questa terra martoriata, senza rassegnarsi a quella nottata che  dovrebbe passare, ma non passa mai. Ancorata a quello spiraglio che  si sviluppa dalla propria creatività e da quella di altri. Che non smettono di alzare la voce. E di credere in un’altra alba.