Due mani che si sfiorano ma non si toccano. E’ il logo di un’associazione che si è battezzata con il nome della citt  più antica della Licia (stiamo parlando del secondo millennio a. C.), Arycanda, più volte risorta, tenace, come questo gruppo di persone, professionisti, magistrati, cittadini impegnati nel rilancio partenopeo, che da anni promuove dibattiti e iniziative sotto il sole della cultura, della beneficenza, del riscatto, per amore per di Napoli. Dove ha sede, pur puntando il suo guardo dovunque, orientato a un futuro di rispetto, sulla strada dei diritti ( e anche dei doveri).
Puntuale come ogni estate, arriva il dodicesimo premio nazionale del’associazione presieduta da Arturo Frojo, ambientato in un luogo suggestivo della citt  o dei dintorni. Dopo Palazzo reale a piazza Plebiscito nel 2011, il piazzale antistante della stazione marittima, diventer  scenario della premiazionecoordinata dall’anima dell’associazione, Ugo Ricciardi, sostituto procuratore generale alla corte d’Appello (con Lello La Pietra e Jolanda De Rienzo), gioved 5 luglio, alle 19.30. Gli attori Enzo De Caro e Rosaria De Cicco, insieme al referente di Libera Napoli, don Tonino Palmese saranno i premiati della serata dedicata ai napoletani e alla legalit . Targa speciale a Carlo Alemi, presidente del Tribunale di Napoli, per aver scelto di restare nel capoluogo campano, rifiutando l’incarico a presiedere il Tribunale di Roma, mettendo a disposizione della citt  e delle istituzioni la propria esperienza, pronto a nuove sfide. Ospite d’onore il cardinale Sepe. Interverranno anche il presidente della Regione Caldoro e il sindaco de Magistris.
Diritti, doveri, ma anche momenti di divertimento, dando spazio ai nostri talenti i giovani artisti del progetto “Emozionart” (i cantanti Antonio Fanara, Milena Setola e Ilaria Iandolo), del cantautore Nevada, dell’imitatore Marcantonio Scaramuzza e dei cabarettisti di Made in Sud. Chiude la cornice, secondo consuetudine, la pioggia di fuochi d’artificio e musica curata dal catanese Alfredo Vaccalluzzo. Tenendo viva la fiamma della passione civile.

Nelle foto, Enzo De Caro e Rosaria De Cicco

Per saperne di più
www.arycanda.it