Ancora una volta Napoli si conferma capitale della creativit , anche nel settore moda e costume. A sfilare in passerella, attraversando lo storico scenario dell’arco di S. Eligio, sono le studentesse dei 23 istituiti di moda partenopei, le stesse, artefici delle collezioni realizzate a chiusura di un intero anno di studi. L’occasione è il V premio Isabella d’Este, il prestigioso premio per le arti e l’artigianato tessile della citt  di Napoli e della Campania, ormai una consuetudine, organizzato dall’Istituto Professionale "Isabella d’Este Caracciolo” e dal Consorzio “Antiche Botteghe Tessili” di piazza Mercato, in collaborazione con la Rete degli Istituti del Sistema Moda Regionale.

«Abbiamo deciso di far sfilare le creazioni dei vari istituti- parla Ornella Laudati, coordinatrice della sfilata- senza etichetta o una tematica portante, semplicemente mostrando al pubblico il risultato degli elaborati di un intero corso di studi,
partendo dalla collezione giorno fino ad arrivare agli abiti da sera L’idea del premio nasce inizialmente come stimolo per gli alunni alla creativit  finalizzata alla realizzazione del prodotto moda, a una sua concretizzazione in un oggetto vendibile. L’obiettivo è infatti di preparare i ragazzi al lavoro nel settore abbigliamento inteso non solo come creazione ma anche come produzione, visual merchandising, studio del figurino, organizzazione, marketing».

Il premio Isabella è una gara di creativit  tra giovani studenti di talento che per quest’anno prevedeva un confronto con il tema “mediterraneo”
per la composizione di un elaborato grafico che sarebbe poi stato utilizzato per la realizzazione (nel 2015) di un pareo a opera dell’azienda artigianale “Livio De Simone”, specializzata nella produzione di tessuti fashion di alta qualit  e fattura artigianale, interamente dipinti a mano. La vincitrice, Nunzia di Zazzo, ha proposto un’interessante lettura in chiave contemporanea del mosaico, utilizzando le differenti gradazioni tonali del blu del mare nostrum, colore freddo, bilanciato dal caldo giallo Napoli.

«L’antropologia della moda- afferma Marina Lebro, docente di Moda- d  una spiegazione, una connotazione sociale al cambiamento;
la moda, in quanto codice linguistico non verbale è il risultato dell’evoluzione sociale che si riversa nel costume». Sono stati premiati anche il secondo e terzo classificato (rispettivamente Imma Gabriella Polverino e Letizia Fontanella) nonch quattro premi speciali della giuria.

La manifestazione, giunta ormai alla sua V edizione, si inserisce in un più ampio progetto di riqualificazione del quartiere Mercato,
uno sforzo corale dei commercianti del luogo nel rivalutare quel perimetro una volta ricco di attivit  produttive, poi trasferite quasi in blocco al decentrato Cis di Nola. La Rete Territoriale del quartiere Mercato e i partner del progetto ribadiscono la propria volont  di credere e crescere in questo percorso di rivitalizzazione del territorio, chiedendo il supporto delle istituzioni che troppo spesso hanno sottovalutato la grande potenzialit  di attrattore turistico, culturale e di conseguenza economico di questa parte storica della citt .

La manifestazione ha una valenza sociale ed economica,
come ribadisce Claudio Pellone del consorzio “Antiche botteghe”, rimarcando il ruolo di una scuola che in questo modo mira a una formazione che collega direttamente studenti e aziende della municipalit . La V edizione del Premio Isabella offre infatti per la prima volta, grazie al contributo della Fondazione di Comunit  del Centro Storico di Napoli e all’ausilio del Centro Servizi per il Volontariato, la possibilit  a dieci studenti selezionati all’interno di una platea scolastica a rischio di dispersione e disoccupazione di formarsi secondo principi innovativi per l’avviamento delle prime micro-imprese artigiane tessili nello storico quartiere.

Negli scatti, alcuni momenti della sfilata di moda all’arco di S. Eligio (foto di Ludovica Bastianini) e la premiazione

In basso, clicca il video

luned 9 giugno 2014

www.youtube.com/watch?v=6RzREn6ub4s&feature=share&list=UUgPm_W58C1kQWqiUJ4a66hQ