Un progetto speciale per i giovani. Per il secondo anno consecutivo, al San Carlo, sostenuto da Generali Italia. Grazie al programma Valore Cultura: oltre 1.000 ragazzi saranno coinvolti per tre mesi nella realizzazione di uno spettacolo ispirato a “My Fair Lady”  in scena al Massimo napoletano il 13 febbraio 2018  in concomitanza con la prima e storica produzione del titolo per la Stagione lirica e di balletto 2017-18 (dal 6 al 12 febbraio con la direzione di Donato Renzetti e la regia di Paul Curran).
Gli studenti degli Istituti superiori del percorso scuola-alternanza Lavoro del Lirico (foto), assieme ai loro coetanei delle periferie di Napoli, prenderanno parte a un programma formativo con laboratori sulle arti e sui mestieri dello spettacolo, dedicati allo studio del canto e della danza, agli allestimenti scenici e al trucco e parrucco, e ancora a tutte le fasi organizzative e operative che portano a una messa in scena. Il percorso sarà arricchito da focus sugli aspetti stilistici e sul periodo storico-culturale legati al celebre e fortunato titolo del 1956 firmato da Alan Jay Lerner e Frederic Loewe. Il maestro Carlo Morelli terrà un laboratorio sul repertorio del musical e della musica contemporanea anglo-americana con particolare riferimento a Bernstein, Gershwin, Lloyd Webber, Ellington e Porter.
Sarà possibile assistere a un primo saggio del progetto giovedì 9 novembre, alle 11 al Polo tecnologico dell’Università Federico II (corso Nicolangelo Protopisani 70, San Giovanni a Teduccio). Gli allievi del liceo musicale “Margherita di Savoia” di Napoli che aderiscono all’iniziativa, eseguiranno brani da “My Fair Lady” diretti dal maestro Morelli, in occasione del quinto appuntamento di  “Casa Corriere – Dall’orizzonte alle radici A/R” per le celebrazioni dei vent’anni del Corriere del Mezzogiorno.
Attraverso il progetto Valore Cultura, Generali Italia sostiene le migliori iniziative artistiche e culturali per renderle accessibili ad un pubblico sempre più vasto e contribuire allo sviluppo sociale ed economico dei territori.
Spiega Lucia Sciacca, direttore Communication and Social Responsibility di Generali Italia: «Siamo molto contenti di sostenere per il secondo anno consecutivo un’iniziativa del San Carlo, dedicata ai ragazzi. Con il Teatro San Carlo condividiamo il convincimento che l’arte e la cultura siano un elemento fondante dell’identità del nostro Paese e un motore di crescita dell’individuo e delle comunità. La tutela e la diffusione delle forme artistiche più nobili e l’avvicinamento all’arte delle nuove generazioni è un investimento sul nostro futuro».