"Il teatro delle guarattelle è uno spettacolo di burattini a guanto tipico della tradizione popolare napoletana. All’interno del teatrino prendono vita le avventure di Pulcinella, le sue storie antiche eppure sempre attuali. Pulcinella è difatti l’espressione della vitalit , dell’umanit  più vera, in tutte le sue complessit  e contraddizioni. Le guarattelle rappresentano l’autentico spirito di Napoli, e non solo: si rinnovano le storie della gente semplice, dei popoli oppressi eppure sempre vitali; vi si ritrovano gli innamorati, gli artisti e i ribelli.”

Il progetto “Guarattellando”, nasce da una indagine complessa e da una rivisitazione antropologica sull’arte delle guarattelle, che deve la sua vitalit  alla capacit  dei burattinai di coniugare memoria e attualit  in un rapporto molto attento con il pubblico. Arte musica, risate e colori sono gli ingredienti che meglio calzano per questa iniziativa, dove attraverso il ludico si impara e si comprendono le diverse metafore della vita. La preziosa abilit  del burattinaio sta nell’elargire informazioni educative, curiosit  popolari, spaccati di storia, divertendo e entusiasmando il pubblico di grandi e piccoli, mettendo in scena movenze, parole, costumi, tonalit  e musiche accattivanti e coinvolgenti, diventando cos dei veri insegnati per i bambini ma anche per i più grandi.

Il mondo della fantasia ha bisogno di essere stimolato, e molto spesso i grandi non riescono a comprenderlo , proprio come si legge nel Piccolo Principe. Il progetto si avvale dell’arte delle guarattelle quale strumento educativo per i minori, offrendo ai bambini, attraverso uno specifico laboratorio, la possibilit  di conoscere gli usi e costumi del teatro di figura e al contempo donare espressivit  creativa ad una tradizione locale storica, che vuole essere rivalutata e conservata. Sono insegnamenti di vita, che spingono i bambini a socializzare con gli altri e ad apprendere filosofie di vita e metafore importanti nella vita odierna, il gioco aiuta alla comprensione e crea basi sicure per un dialogo con se stessi e con glia altri. Lo scopo è di mettere in scena uno spettacolo teatrale che sappia valorizzare la creativit  dei bambini ed estrapolarne le potenzialit  immaginative.

Il laboratorio funziona come strumento per l’educazione culturale, aumentando l’immaginazione e la fantasia, stimolando la capacit  di relazione tra bambini, contribuendo a far scoprire nuovi spazi emotivi e creativi. Creare un filo conduttore tra noi e gli altri è un elemento fondamentale. Si utilizzano non soltanto la potenza delle parole e delle espressioni, ma anche la creativit  che passa per le mani. La scelta degli strumenti didattici previsti nel laboratorio è stata fatta in modo da creare un accordo tra il tipo di abilit  e conoscenza da acquisire e lo strumento specifico da utilizzare, rendendo il processo educativo il più naturale e divertente possibile. Il processo intuitivo che viene stimolato nei bambini, rafforza cos la voglia di conoscenza e di apprendimento nei bambini, che in modo naturale imparano, divertendosi. La partecipazione al Laboratorio è gratuita ed è rivolta ai bambini della scuola media ed elementare. E’ il caso di dire, giocando si impara.

Nelle foto, la locandina e due momenti dello spettacolo