Quattro volte Jan Fabre. L’artista belga, una delle figure più affascinanti, complete e complesse della ricerca artistica contemporanea, former, drammaturgo, regista, coreografo, disegnatore, scultore, sarà a Napoli tra la galleria Trisorio, il museo Madre, quello di Capodimonte e il teatro Politeama.
Si comincia con la mostra My Only Nation is Imagination curata da Melania Rossi: vernissage allo Studio Trisorio (Riviera di Chiaia, 215) lunedì 26 giugno alle 19 con sculture, disegni e un video risultato della ricerca dell’artista sul rapporto tra arte e scienza.
Da giovedì
29 giugno, alle 18, sul terrazzo del Madre sarà visibile l’opera iconica dell’artista belga  L’uomo che misura le nuvoleL’uomo che misura le nuvole(versione americana, 18 anni in più) 1998 – 2016 nell’ambito del progetto Per_formare una collezione, formazione in progress della collezione del museo campano di arte contemporanea. Il lavoro ritorna a Napoli, in questa  versione, dopo l’esposizione del 2008 in Piazza del Plebiscito dove fu allestita insieme ad altre opere.
L’opera, che resterà fino al 19 dicembre, è un inno alla capacità di continuare a sognare, di trascendere il tempo e lo spazio attraverso l’immaginazione. Ispirata dall’affermazione che l’ornitologo Robert Stroud pronunciò nel momento della liberazione dalla prigione di Alcatraz, quando dichiarò, appunto, che si sarebbe d’ora in poi dedicato a “misurare le nuvole”. Ma è anche un omaggio al fratello minore dell’artista, sognatore deceduto prematuramente.
Sabato 1 luglio, alle  11, al Museo e Real Bosco di Capodimonte, la mostra Jan Fabre. Naturalia e Mirabilia nell’ambito del ciclo Incontri sensibili, a cura di Sylvain Bellenger e Laura Trisorio: l’artista presenterà due opere (Spanish Sword- Knight of modesty e Railway Tracks to Death) realizzate interamente con gusci di scarabei,  ricorrenti della sua ricerca, ambientati in una Wunderkammer in dialogo con alcune rarità, tra naturalia (madrepore, rami di corallo, uova di struzzo, rostri di pesce sega, uova di struzzo) e mirabilia (oggetti d’arte realizzati in cristallo di rocca, bronzo, avorio, ambra, noci di cocco, corno di rinoceronte, corno di cervo, nonché manufatti provenienti da terre di esplorazione).
Nella stessa giornata, ma alle 20,30 e ancora domenica 2 luglio (alle19), Fabre presenterà in anteprima mondiale la sua nuova produzione Belgian Rules/Belgium Rules al  Politeama di Napoli (via Monte di Dio), nell’ambito del Napoli Teatro Festival.

In foto, Spanish Sword-
Per saperne di più
http://www.museocapodimonte.beniculturali.it/
https://www.napoliteatrofestival.it/
http://www.madrenapoli.it/