Ciro Legna il vincitore dell’edizione 2009 del “Premio Floriana Causa”. Nella sala degli Angeli dell’Universit  Suor Orsola si è svolta la cerimonia di premiazione consistente in una borsa di studio di 3.500 euro per la tesi di laurea, in conservazione dei beni culturali, sul pittore Cristoforo Scacco. Presenti nella giuria: Ferdinando Bologna, Marina Picone Causa, Stefano Causa, Francesco De Sanctis e Mimmo Jodice.
Il premio viene assegnato a laureati dell’area umanistica che non abbiano compiuto il trentesimo anno di et  e che abbiano discusso una tesi di laurea nel campo della storia dell’arte o abbiano prodotto altro lavoro di ricerca scientifica, in ambito medioevale, moderno e contemporaneo, inclusa la storia della fotografia.
Il Premio Floriana Causa è biennale, istituto nel 2003 su iniziativa di Marina Causa Picone e Stefano Causa in memoria della figlia e sorella Floriana. La ventiduenne, scomparsa a causa di un incidente stradale nel 1985, era iscritta al terzo anno della facolt  di lettere moderne con la tesi chiesta a Giovanni Previtali. Dal 1982 incominciò a collaborare con il settimanale “Napoli Oggi” e i mensili “Ultima del Sud” e “Terza Pagina”.
Tutti gli scritti d’arte sono poi confluiti in un suo unico libro: “Per piacere non ricollocare!”. Una frase scritta, un giorno, con un evidenziatore rosso da Floriana su di una pila di volumi ancora da consultare: “Frase destinata ad assumere un significato estensivo, metaforico, esortativo. Ammonendo noi a lasciarglielo ancora quello spazio di vita e a difenderlo, se necessario, se possibile. E delegandoci a ravvivare il suo ricordo, se mai ve ne fosse bisogno.” (si legge nella prefazione). Vivo e carico di emozione è infatti il ricordo di Jodice quando sottolinea la passione di Floriana per la fotografia e per l’attenzione che dava a quei particolari, a volte sfuggiti a occhi disattenti.

In foto, Marina Causa durante la premiazione e in basso) Floriana a vent’anni, nel 1983