A Mary Pop su Radio1 la storia del presepe. Domenica 21 dicembre, il magazine curato e condotto da Maria Teresa Lamberti in onda dalle 10.10, dedica alla rappresentazione della nascita di Gesù un ampio spazio, partendo da quella tradizionale napoletana per continuare con quelle più originali.
Con lo scrittore, Maurizio Ponticello (autore, tra l’altro, del libro "Il giro di Napoli in 501 luoghi” pubblicato con Newton Compton e firmato con Agnese Palumbo) si va alla scoperta della tradizione presepiale radicate nei culti romani consacrati alla dea Cerere.
Non mancher  un tuffo a San Gregorio Armeno (foto) dove l’omonima chiesa sorge proprio su quello che nell’antica Neapolis era il luogo di venerazione della dea delle messi. Qui scopriremo tesori archeologici nascosti e miracoli del sangue. Sempre nella "Via dei Pastori" di Napoli, incontriamo il maestro pastoraio Marco Ferrigno che racconter  l’arte settecentesca del presepe napoletano in cui la Nativit  diventa metafora della Vita e della lotta del Bene contro il Male. Entreremo virtualmente nello "scoglio" (lo scenario del presepe) per avvicinare l’Oste rubicondo, incarnazione del maligno, ed il Meravigliato, capace di riportarci all’innocenza primordiale.

Da Napoli ci spostiamo poi in Lombardia, a Laveno Mombello. Qui, nelle acque del Lago Maggiore ad una profondit  di 23 metri, si trova il Presepe Sommerso. E’ composto da 42 statue, alcune alte fino a un metro e mezzo, poste su 5 piattaforme. La composizione vista dall’alto è un vero spettacolo. Ce ne parla Marco Lanteri, presidente del "Gruppo Amici del Presepe Sommerso Onlus".
Tappa finale in Romagna, a Torre Pedrera, una frazione di Rimini, dove scopriremo il fascino del presepe di sabbia, un’opera con vere statue d’autore che per le sue caratteristiche non può resistere al tempo e che viene immortalato di anno in anno fotograficamente. Gianni Berardi, presidente del Comitato Turistico di Torre Pedrera, ce ne racconta le particolarit  ed i metodi di realizzazione.