“Si può gridare, come penso di fare molte volte, ma quel grido di liberazione, di sfogo, è eterno e non trova risposta nell’atto, bisogna dipingerlo per vederlo, soffrirlo e rinnegarlo”. Non è Edward Munch l’autore di queste righe, ma Raffaele Pezzuti. Giovane artista formatosi all’Accademia di Napoli e prematuramente scomparso, in un tragico evento, che riemp le cronache dei giornali, nel 2002, a soli trent’anni. Nel pieno della maturit  artistica.

L’Accademia di belle arti vuole ricordare l’ex allievo e omaggiarne il talento. Oggi, 30 aprile, alle ore 12, nella galleria del giardino sar  inaugurata la mostra ” (Last) Interiors” a cura di Marco di Capua e Valerio Rivosecchi. Dopo la retrospettiva ospitata dalla Biblioteca Nazionale di Napoli nel 2009, questo percorso espositivo intende “raccontare” l’ultima stagione artistica di Pezzuti.
Parlano di lui e trasferiscono il suo universo concettuale i trentatr dipinti scelti tra quelli realizzati negli ultimi tre anni. Intimit  nella duplice accezione di corpo e anima. La serie di ritratti e nudi, a tratti spudorati, mirano a far risaltare il contrasto tra la fisicit , destinata a decomporsi, e lo spirito che, sulle ali del sogno, vagheggia eternamente mete inafferrabili. Di fronte all’inarrestabile violenza dei tempi, alla sopraffazione che porta gli uomini ad armarsi contro i propri simili, la pittura di Pezzuti è attraversata dal dolore e, al contempo, dall’indignazione.

Un espressionismo denso e prorompente che – con un effetto volutamente urtante- vuole gridare la sua astiosa protesta, senza illusioni di riscatto. Suggestiva la serie dei notturni, con le tonalit  di blu, come leitmotiv, che rimanda all’angoscia esistenziale e le inquadrature dall’alto che, simulando una telecamera nascosta, esplorano e investigano il male dentro e fuori. Le opere in mostra provengono dalla famiglia dell’artista e da collezioni private.

Gli allievi dell’Accademia hanno collaborato al progetto, curando sia l’allestimento che la redazione del catalogo. Interverranno al vernissage il padre dell’artista, Alfredo Pezzuti, e la vedova Sara Ravezzi.

Nella foto, un’opera dell’artista

Galleria del giardino Accademia di belle arti Napoli

Via Costantinopoli 107/A

Fino al 21 maggio 2010.

Orari: lun- ven 10-13/ 15-18; sabato 10-13. Ingresso libero

Info: 081441900- 441887- 444245.

Napoli_accademia@libero.it

MAGGIO CON NARTEA
Viaggio in citt  con NarteA. Per il Maggio dei monumenti. L’associazione culturale napoletana,
dopo le visite guidate teatralizzate a cappella Sansevero "Il testamento di pietra", dopo l’itinerario teatralizzato "Le Anime pezzentelle" nella Chiesa di S. Maria delle Anime di Purgatorio ad Arco, propone: "Dal mare al centro della citt ", "Le arti e i tesori di Napoli nella storia" e "Napoli capitale della musica", tre nuovi itinerari che promettono di far vivere il Maggio 2010 all’insegna della cultura e dell’arte.
Ecco cosa propone per il prossimo weekend,

Sabato 1 maggio. Itinerario teatralizzato: “Le arti e i tesori di Napoli nella storia”, alla scoperta dell’antico patrimonio

artigianale della citt  di Napoli. Appuntamento alla Chiesa di Santa Maria del Carmine in piazza Mercato alle ore 11.00.
Costo: 12 € PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Domenica 2 maggio. Itinerario teatralizzato: “Le Anime Pezzentelle”, dove sacro e profano, magia e religione si fondono nel segno delle anime purganti, dette pezzentelle. Appuntamento alla Chiesa di Santa Maria del Purgatorio a Arco alle ore 11.00.
Costo: 10 € PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA