Torna, dopo due anni di assenza, il festival internazionale del cortometraggio O Curt. Sessanta film in concorso, provenienti da tutti i continenti. Dal 19 al 22 novembre al Palazzo delle Arti di Napoli (PAN) e all’Institut francais, proiezioni, incontri, esposizioni artistiche e lezioni sul cinema con il presidente di giuria Daniele Cipr, lo sceneggiatore Maurizio Braucci, il produttore premio Oscar Nicola Giuliano e il regista georgiano Mikheil Kobakhidze, vittima della censura sovietica.
Cinque le sezioni competitive ‘O Curt concorso internazionale, O Curt Napoli, riservato ad autori nati o residenti a Napoli, Corti Animati, dedicato all’animazione, LeggeroCorto ed Educational. Durante le giornate della rassegna il foyer dell’Institut francais ospiter  alcune delle più belle foto scattate sulla scena dei film italiani realizzati negli ultimi tre anni, grazie alla collaborazione del Centro Cinema Citt  di Cesena che indice da diciassette anni il prestigioso concorso CliCiak.

La rassegna, organizzata dall’associazione Tycho, con il sostegno della Mediateca Santa Sofia, e promossa dall’Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli, si ripropone, dopo due anni di assenza, come evento di rilievo nel calendario dei Festival cinematografici nazionali.
A contribuire ancor di più al respiro internazionale del festival sar  la tavola rotonda promossa dai principali istituti di Cultura a Napoli e coordinata dalla Scuola di Cinema Pigrecoemme. Esperti di cinema dell’Istituto francese, del Goethe, del Cervantes e del Confucio illustreranno i principali orientamenti della filmografia dei rispettivi Paesi, con un particolare focus sull’Noir e il racconto della crisi dal titolo “Vedo Nero”.

Per saperne di più

ocurtfilmfest@gmail.com
Tel. 393 2162986
www.ocurt.it

In foto, Ana Caterina Morariu che incontrer  il pubblico all’istituto francese di Napoli, via Crispi 86, Palazzo Le Grenoble il 22 novembre, ore 17.30