Riparte il progetto “Ring Una rete per le donne”, promosso dalla consigliera delegata alle Pari Opportunit  Simonetta Marino e dal Servizio Giovani del Comune di Napoli.
E’ rivolto a donne giovani e over 60 prive di conoscenze informatiche, con la necessit  di approfondire l’uso delle nuove tecnologie, oppure che hanno una conoscenza informatica di base.

L’intento è quello di creare una cultura digitale inclusiva e ridurre i digital divide di genere,
potenziare i luoghi di socialit  e innovazione per le donne nel contesto urbano napoletano e favorire l’incontro intergenerazionale e la conoscenza di nuovi saperi.
Ring è una rete di reti, di donne e per le donne, per una cittadinanza attiva e consapevole che promuove azioni per alimentare la qualit  della vita delle donne napoletane nei diversi luoghi urbani e che mette in rete le attivit  gi  esistenti del territorio che sostengono e migliorano la loro occupabilit  e i loro empowerment.

Sono stati concepiti 10 Sportelli/Palestre digitali,
che saranno aperti il luned, il Mercoled e Venerd dalle ore 0900 alle ore 1300 nelle dieci Municipalit , offrendo servizi informativi di supporto all’occupabilit , spiegazioni sulle normative esistenti, autovalutazione e orientamento al lavoro, accompagnamento ai servizi territoriali (Parcheggi Rosa, Carta dei Servizi, etc.).

Saranno attivi 50 laboratori di alfabetizzazione digitale
concepiti per migliorare il posizionamento nel mondo del lavoro attraverso il rafforzamento delle competenze digitali e del self empowerment delle partecipanti. Ciascun laboratorio sar  di 20 ore articolato in 5 moduli formativi, della durata di 4 ore ciascuno e saranno rivolti alle donne di ogni et  prive di qualsiasi conoscenza informatica o aventi conoscenze di base (applicazioni software, navigazione internet, uso dei social media).
E’ previsto, inoltre, l’implementazione dell’Osservatorio Ring presente all’interno del portale di progetto (www.ring.comune.napoli.it), con il completamento della mappatura dei servizi di conciliazione esistenti nella citt . Prevista anche un’app che consentir  ai singoli utenti di visualizzare le mappe interattive sui propri smartphone e tablet.
Infine, verr  concepito un supporto all’amministrazione comunale nelle attivit  di programmazione di interventi di genere coerenti con i Programmi Operativi 2014-2020 nella prospettiva della citt  metropolitana per la costruzione di un’Agenda digitale di genere.

In alto, uno scatto di Peter Lindbergh