Da Quito a Parigi. E, infine, a Napoli. Carla Robalino Aguirre sale sulla scena artistica napoletana con la personale “Pictures on the road” che rimarr  aperta alla Picagallery fino al 5 aprile 2010.
Dall’Ecuador, terra di origine, Carla si trasferisce giovanissima a Parigi, dove si iscrive alla scuola di Belle Arti: la capitale francese diventa la sua seconda patria, influenzandone pittura e ricerca artistica.
Arrivata a Napoli da circa un anno, se ne è innamorata: “Mi d  un’energia vitale tale da riportarmi alla mia citt  natale”. Qui propone opere velate da una certa malinconia, dove lo studio delle forme e la scelta del materiale (dall’acrilico su tela alla resina) si trasformano in strumenti per esprimere il proprio mondo d’artista.
Temi preferiti: il paesaggio andino, le montagne, insieme con le chiese, i vetri colorati delle grandi cattedrali, l’architettura nel suo complesso universo di linee che la pittrice di Quito rende in maniera stilizzata, quasi impercettibile. Finestre e porte trasmettono il senso della transitoriet  della vita, mentre i paesaggi puntano a far concentrare lo sguardo e la sensibilit  degli spettatori sulla questione ambientale.
Tra realt  e immaginario, le ocre, i toni accesi dell’azzurro, del viola, del rosso esplodono sulle tele, rivelando la personalit  della pittrice e il suo vissuto, in un tragitto che rimanda a Rothko ma anche ai pittori della scuola francese con cui è entrata in contatto.

Carla Robalino Aguirre
Pictures on the road
Picagallery(via Vetriera 16)
Fino al 5 aprile 2010
www.salvatorepica.it

Nelle foto, opere dell’artista