Sono momenti rubati all’allegria, alcuni pieni di nostalgica malinconia, sono tante parole che si celano dietro lunghi silenzi. Sono questi gli attimi, gli sguardi catturati dall’obiettivo di Rosa Venturelli in mostra, dal 9 al 30 marzo, allo Spazio Fiorillo Arte (Riviera di Chiaia, 23 a Napoli). Al vernissage di sabato, alle ore 17.30, intervengono Mimmo Jodice, Teresa Mangiacapra e Mimma Sardella.
“P’a via” è il titolo dell’esposizione organizzata dall’associazione “Le Tre Ghinee-Nemesiache”, è la prima personale della Venturelli e comprende una selezione di suoi scatti fotografici.
«La fotografia, attraverso la macchina fotografica, il terzo occhio, ha abitato da sempre in me e in casa mia, – racconta la Venturelli – mio padre era un appassionato di fotografia, certe volte sfogliando l’album di famiglia ritrovo attraverso quelle immagini scattate da lui, le mie radici, parole non dette, ritrovo l’amore perduto».
Da piccolissima ha iniziato ad avere una spiccata sensibilit  per le immagini «Ricordo che da piccola usavo la macchina fotografica di mio padre, – prosegue – mi chiudevo al buio nel soggiorno, riponevo una sedia sul tavolo, questa fungeva da cavalletto, ci riponevo la macchina fotografica, accendevo la televisione e scattavo fotografie ad alcuni personaggi pubblici. Quando sviluppavo queste foto e quando le vedevo ero felice perch avevo accorciato le distanze con tutto quello che mi sembrava cos lontano, cos vicino. Questa mostra fotografica ha fatto s che i dubbi citati all’inizio, che erano dietro i miei silenzi, si siano fusi e confusi con i silenzi che questi sguardi e questi volti vogliono trasmettere».

Orari galleria luned venerd ore 10-18
Sabato per appuntamento
3farte@gmail.com

In foto, particolare dell’invito e uno scatto di Rosy Venturelli