“Portare avanti questa iniziativa è un atto doveroso per reiterare ciò che mio padre ha fatto per molti anni, con
amore e devozione – spiega Gian Piero Rotoli
ci teneva che organizzassi l’evento, e il sorriso nei suoi occhi nel sapere che questo spettacolo si sarebbe fatto, nonostante tutto, assume un doppio valore. Il primo è
quello di sostenere la ricerca e il secondo è quello di portare avanti la sua volont , quella del "Prof", grande ematologo, scienziato e padre. Attraverso l’Ail si sono raggiunti traguardi importantissimi che hanno garantito un livello d’eccellenza al reparto di ematologia della Federico II. Mio padre ha fatto scuola nel senso più alto del termine nel campo dell’ematologia, sia nel campo clinico che in quello scientifico, portando alla ribalta internazionale il suo dipartimento e la sua scuola di medici.
E’ grazie al contributo nel campo ematologico e umano che l’Ail sezione provinciale di Napoli ha deliberato per il cambio di denominazione in: Ail sezione prof. Bruno Rotoli”.
E cos continua la lotta alla leucemia con la serata-evento organizzata dall’Ail: il 7 settembre alle ore 21:00 presso il Teatro Augusteo di Napoli – Piazzetta Duca d’Aosta n. 263.
Quest’ anno all’appuntamento una partecipazione
straordinaria: Luca Zingaretti che legger  “La sirena” tratto dal racconto “Lighea” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Drammaturgia di Luca Zingaretti con musiche di Germano Mazzocchetti eseguite da Fabio Ceccarelli; aiuto alla regia: Manuela Rispoli; disegno luci: Giuseppe Sabatino.
Insieme all’attore inaugurer  la serata il presidente dell’Ail Ermanno Rotoli, fratello dello scienziato scomparso, con un breve saluto e ringraziamenti a tutti i presenti. L’iniziativa si avvale della sensibilit  e significativa donazione del Banco di Napoli Spa.
Il ricavato dello spettacolo sar  devoluto a sostegno delle attivit  della Sezione Ail locale.
Per creare un punto d’accoglienza per i malati di leucemia e le loro famiglie, troppo spesso abbandonati al loro dolore. l’Ail ha gi  raggiunto tanti obiettivi che hanno portato alla assunzione di medici a progetto, al co-finanziamento di un posto per ricercatore alla Federico II, all’acquisto di un agitatore piastrinico da trasporto per l’ospedale Pausilipon. E proprio nel corso della serata l’Ail provinciale di Napoli annuncer  che alla propria denominazione sar  aggiunto il nome del professor Bruno Rotoli, , ideatore di queste serate-evento grazie alle quali è riuscito in dieci anni a trasformare il reparto del Policlinico di cui era primario, in uno dei primi centri trapianti di midollo osseo della Campania e del Sud.
E’ possibile acquistare i biglietti presso la sezione dell’Ail di Napoli contattando Delia Scala al numero 081- 3737735 oppure al 335-6353862.

In alto, la locandina dell’evento