Tina Femiano. Reading a San Gennaro all’Olmo. Nell’ambito della rassegna “I differenti” 2015, l’Associazione Otto Jazz Club ha preposto la lettura del racconto di Maurizio Di Giovanni, La canzone di Filomena. Nella raccolta e suggestiva cornice del Complesso Monumentale di San Gennaro all’Olmo, in San Gregorio Armeno, la sua timbrica suadente e la sensibilit  interpretativahanno restituito a tutto tondo l’intensit  della prosa parapoetica di una toccante vicenda una preadolescente, dalla vita precocemente segnata da miseria, emarginazione, violenza consumata all’interno delle pareti domestiche.
Una storia di sapore nazional popolare che tocca le corde di sentimenti universali, in bilico tra Mastriani e Viviani. Una sequela di esperienze sconvolgenti che non riescono a intaccare le speranze di una bellezza in boccio, di un’anima candida, a cui il duro vissuto non ha distrutto la pietas nei confronti di chi soffre. Con la consueta sobriet  e una intensa partecipazione emotiva, la Femiano (foto) conferisce con la sua performance valore aggiunto alla drammaticit  del testo, alla quale contribuisce non poco il commento musicale del Trio Sanarico, al suo debutto tre giovani fratelli al violoncello, violino e contrabbasso.
Pagine tratte da Bernstein, Gershwin, Respighi. Li tiene a battesimo con occhio fiero e benevolo una Fimiano materna e orgogliosa.