Da Ponticelli a Scampia: la rassegna il Sabato delle idee (alla sua decima edizione)  per la valorizzazione delle periferie e del lavoro delle scuole. Si parte da Ponticelli,  dall’Istituto Sannino-De Cillis per celebrare i 70 anni della Costituzione Italiana con l’intervento del  presidente emerito della Corte Costituzionale, Paolo Grossi (foto). Sabato 24 marzo, alle 10 all’Istituto d’Istruzione Superiore Sannino – De Cillis in Via Camillo De Meis 243 (Napoli). E il 12 maggio  si discuterà all’Istituto Tecnico “Galieo Ferraris” di Scampia dell’abbattimento delle vele e del progetto “Restart Scampia”.
L’evento di dopodomani è organizzato in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti della Campania, inserito nel piano di formazione e aggiornamento professionale  con il rilascio di crediti formativi. Al centro dell’incontro, l’uguaglianza sostanziale dei cittadini e il compito dello Stato di promuovere lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica e di garantire la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della Nazione (art.3 e art.9 della carta costituzionale).
 L’Orchestra da Camera del Conservatorio di S. Pietro a Majella, diretta dal Maestro Salvatore Biancardi darà il via. E il meeting sarà aperto dagli interventi di Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Ottavio Lucarelli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Gaetano Manfredi, rettore dell’Università Federico II di Napoli, Paolo Pisciotta, dirigente scolastico dell’Istituto Sannino-De Cillis e Marco Salvatore, ideatore del pensatoio Il Sabato delle idee.
Nel corso della discussione, coordinata da Alessandro Barbano, direttore del quotidiano Il Mattino, gli studenti si confronteranno, oltre che con Paolo Grossi, con Tommaso Edoardo Frosini, professore ordinario di Diritto costituzionale al Suor Orsola e presidente dell’Associazione italiana di diritto pubblico comparato ed europeo e Alberto Lucarelli, professore ordinario di Diritto costituzionale all’Università di Napoli Federico II e professore di Droit public des affaires et de la concurrence all’Università Pantheon-Sorbonne di Parigi.