Una foto davanti al San Carlo. Per molti turisti è il ricordo per eccellenza da contemplare una volta tornati a casa. Adesso ne potranno scattare una all’interno, anche in agosto. Il lirico napoletano apre per la prima volta le porte ai visitatori sotto il solleone, fino al 9 e riaprir  i battenti il 26, nello stesso mese, organizzando visite guidate di 45 minuti, in italiano e inglese, secondo sei turni giornalieri (tre al mattino e tre al pomeriggio), attraverso la sala storica e i palchi (biglietto 6 euro -per informazioni e prenotazioni tel 081 7972 468 promozionepubblico@teatrosancarlo.it)
A far maturare la decisione i commenti pieni di ammirazione lasciati da turisti dalla penisola e da tutto il mondo per un gioiello che forse dovrebbe essere ancora più pubblicizzato, adombrato un po’ dalla cattiva fama che i media globali sono soliti attribuire a Napoli, splendida e maledetta. Ciò nonostante amata meta di viaggio, costantemente nella top ten di Tripadvisor.
Tutto questo mentre il massimo partenopeo si prepara a riprendere l’attivit  musicale dopo la pausa estiva, preceduta dalla suggestiva messinscena dei Carmina Burana di Shen Wei, artista cinese, residente a New York. Una suggestiva coreografia che ha trasformato la potenza della cantata scenica di Carl Orff in una raffinata Visual dance.
Si ricomincia domenica 8 settembre ore 20.00 con un concerto sinfonico fuori programma che vedr  sul podio Tito Ceccherini impegnato a dirigere l’Orchestra stabile del Lirico e i solisti Cecilia Laca (Violino), Luca Signorini (Violoncello), Giuseppe Romito (Oboe), Maddalena Gubert (Fagotto). In programma l’ Ouverture in do maggiore Op. 170 D 591 nello stile italiano di Franz Schubert, la Sinfonia concertante in si bemolle maggiore per violino, violoncello, oboe, fagotto e orchestra di Haydn e la Sinfonia 35 in re maggiore KV 385 Haffner di Mozart (biglietti 15 euro- per informazioni tel 081 7972331 – 412 )

Per saperne di più
www.teatrosancarlo.it

In foto, l’interno del San Carlo