Chi in agosto non partir  per le vacanze perch gi  le ha fatte o perch non le far sar  sicuramente contento di scoprire che, anche quest’anno, torna la kermesse teatrale “Classico Contemporaneo”. Dal 18 agosto e fino al 30 Agosto, a partire dalle 21.30, nel suggestivo chiostro di San Domenico Maggiore, nel cuore antico della citt  partenopea, andranno in scena, infatti, spettacoli che rivisitano grandi autori classici del passato e del presente, filtrati dall’interpretazione e dalla regia di autori contemporanei. Inedite letture dei grandi classici, dalle opere di Shakespeare a quelle di Moliere, passando per Pirandello, Schmidt, Ibsen, Cechov, Petito, Viviani ed Eduardo, allieteranno le calde sere degli appassionati del teatro.
L’iniziativa, giunta ormai alla seconda edizione, è inserita all’interno delle programmazioni del Comune “Estate a Napoli 2015”. Nuova prova di coraggio estiva, dunque, per i direttori artistici Gianmarco Cesario e Mirko Di Martino, con il supporto organizzativo del Teatro dell’Osso. «La scelta di dedicare una rassegna ai classici- dicono- ci è stata dettata dal grande amore per la letteratura teatrale, quella che negli anni passati riempiva le sale di spettatori, i quali venivano trascinati nel mondo letterario di grandi autori che, a loro volta, avevano avuto il grande merito di scrivere per il pubblico».
Gran parte delle opere in cartellone sono presentate in prima assoluta (12 le compagnie coinvolte), rappresentando un incentivo ulteriore alla presenza di un pubblico che finalmente torna a vivere il teatro senza farsi condizionare da personaggi televisivi ma esclusivamente dal valore delle opere proposte. Il costo dei biglietti è accessibile a tutto (12 euro a spettacolo), con possibilit  di acquistare abbonamenti per 3, 6 e 12 spettacoli al costo rispettivamente di 30, 55 e 100 euro.
Si comincia con “Anime dannate” (foto) dove Riccardo de Luca mixa due capolavori del teatro italiano “l’Altro figlio” di Lugi Pirandello e “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo, curandone anche la regia e partecipando come recitante. Sulla scena una “veterana” come Tina Femiano e la giovane Francesca Fedeli. Due storie di madri, Maragrazia e Filumena, sciagurate e terribili. La laoro povert  unita alla povert  dell’ambiente e degli uomini che le circondano è forza devastante e condizionante al massimo per le due esistenze.
Tra gli altri spettacoli in calendario, "Passioni In… cantate” con Patrizia Spinosi e Maurizio Murano (il 21 agosto) accompagnati dalle chitarre di Michele Bonè e Ernesto Bravo Perez e diretti da Mariano Baduin. Una passeggiata che inizia nel Settecento musicale, partendo da una cantata di Alessandro Scarlatti per arrivare anche alle canzoni di E.A. Mario non un viaggio ma “un incatenamento di amorosi sensi” attraverso i suoni, come sottolinea il regista. Da segnalare i costumi firmati da Zaira De Vincentiis.
Si chiude il 29 agosto (replica il 30) con Arpagone, celebre personaggio di Molière che respira nella pièce “L’Avaro a pranzo” rimodellata da Mirko Di Martino in chiave anni Sessanta quando il pranzo della domenica era ancora un appuntamento sacro per le famiglie italiane in pieno boom economico. Con Lello Serao (foto in basso), sul palco, tra gli attori, Titti Nuzzolese e Antonio D’Avino.
«Non si poteva non ripetere un’esperienza cos bella come l’anno scorso, suggellato da una buone dose di audacia» ha sottolineato in una conferenza stampa allo spazio Nea di Costantinopoli affollato da attori, registi e autori della rassegna in una afosa mattinata, segno della grande passione che li spinge a mettersi alla prova malgrado le difficolt  delle operazioni culturali a Napoli. E non solo.

Per saperne di più

www.vivere.napoli.it/cultura/classico-contemporaneo-rassegna-teatro-chiostro-san-domenico-maggiore