La possibilit  che la cappella Sansevero potesse finire nel palmo di una mano grazie all’artificio di una fotografia tridimensionale montata in una forma sferica o che chiunque potesse “vestire i panni” di una “macchina anatomica” semplicemente indossando una maglietta, non aveva neppure sfiorato la mente, per quanto illuminata, di Raimondo di Sangro.
In occasione del tricentenario della nascita del principe, il Comitato per le celebrazioni ha disposto che il lume potenzialmente perpetuo del suo ingegno si riaccendesse con sprazzi di modernit  nella fucina di idee di SanseveroLAB, progetto curato da NOTgallery per alς edizioni di Napoli ed orientato alla divulgazione internazionale delle memorie legate alla cappella e al suo ideatore. Partendo dalla consapevolezza “politicamente scorretta” che i musei possano costituire una risorsa viva per lo sviluppo del territorio e dell’individuo, il laboratorio ha previsto una serie di iniziative artistiche e culturali che proiettino la cappella ed il suo messaggio nel futuro e rinsaldino i termini di un antico patto tra i giovani artisti e le suggestione della storia antica, tra il dibattito culturale e i luoghi propri della cultura.
Sansevero_Gadget è una delle interessanti propaggini di SanseveroLAB. Dalle 18:00 di oggi (25 marzo) al 7 aprile, la sala PAN del Palazzo delle Arti di Napoli ospiter  10 creazioni di artisti, designers, illustratori e scenografi ispirate alla fulgida cappella e sottoposte alla logica originaria del gadget, di quella prima Statua della Libert  in miniatura che, uscita dalla ditta francese Gaget, Gauthier & Cie, si impose sul mercato come simbolo di un’intera nazione.
Riproduzioni magnetiche in plexiglass fluorescente delle principali invenzioni di Raimondo ad opera di Enzo Calibè, una miniscenografia cartacea della cappella progettata da Peppe Cerillo, segnalibri che raccontano la storia del principe a fumetti realizzate da Paco Desiato, il kit di Alessandro Cocchia, pensato per fabbricare un Cristo velato commestibile, nonch la cappella in una Mano di Lucid (by Jason Wilmer) e le magliette che trasformano chi le indossa in “macchine anatomiche” create da IABO sfilano lungo la linea di confine tra l’opera d’arte ed il gadget, puntando ad una meta in cui le riproduzioni in serie di un capolavoro possano uscire dalla dimensione del souvenir per entrare in quella spettante ai divulgatori di arte e conoscenza. Scienza e tecnologia, ricerca bibliografica ed editoriale si sviluppano alla base di un progetto aperto alla sperimentazione, alla ricerca ed alla trasmissione del sapere nel pieno rispetto della volont  del principe.
Il Museo Cappella Sansevero prova cos a uscire dal centro storico di Napoli, rimanendone intrinsecamente legato, in nome di un’arte che riesca a coniugare la fedelt  al messaggio disangriano con le moderne tecniche di comunicazione.
Vedremo se ne sar  capace.

A NAPOLI LA FEBBRE DEL GIOCO INTELLIGENTE

Una serata all’insegna del gioco intelligente.
A promuoverla negli ex locali di Luce e Tenebra in via Diocleziano 316 a Napoli, domani, venerd 26 marzo a partire dalle 18, l’associazione Gioco e strategia, insieme all’Accademia medievale, Midgart, Fumettour, Luce e Tenebra, Gulp, Giochi Uniti e Federazione italiana Scrabble, grazie al sostegno del Consigliere regionale di Italia dei valori, Stefano Buono, vero e proprio risikomane.

Nel corso della serata, in cui non mancheranno birra, salads e pasta e fagioli, si terranno mini tornei di Risiko, Coloni di catan, Ad&d, Formula d e Scrabble, Carcassonne, ma tutti saranno liberi di giocare con il gioco preferito, vista la vasta disponibilit  di giochi.

In particolare Scrabble sar  presente con i più forti giocatori nazionali; è previsto un torneo dimostrativo ed i maestri di Scrabble spiegheranno a tutti trucchi e segreti di questo gioco che oltre ad essere appassionante e divertente è pura ginnastica per la mente.
Inoltre alle ore 19.30 vi sar  il primo torneo ufficiale di Carcassonne valido per le finali regionali della Campania per il torneo Nazionale 2010.

Chi vuole partecipare alla serata, totalmente gratuita, può chiamare Paolo Caputo al 3485167162, inviare una mail a giocoestrategia@fastwebnet.it o iscriversi su facebook, sul gruppo di Gioco e strategia.
worldware distribution
Retrogames.it

Nelle foto: in alto, particolare della locandina che annuncia l’evento al Pan. In basso, da sinistra, la maglietta di Iabo e il progetto di Roxy in the box