A rompere i canovacci della musica popolare napoletana ci ha pensato la “brigantessa” Sara Tramma con il suo nuovo spettacolo “Napolievolution”.

L’appuntamento con “Napolievolution” è al teatro Trianon di Napoli venerd 17 maggio, dove si potranno ascoltare canzoni inedite, molte delle quali scritte dalla stessa Tramma, e la traduzione in napoletano della canzone di Sting “Fragile”, tradotta dall’artista napoletana con le musiche e gli arrangiamenti di Nunzio Nunziato.

Sara Tramma è una cantante cresciuta nelle fila dei “Musicanova” di Eugenio Bennato, ha avuto importanti collaborazioni con personalit  del calibro di Carlo d’Angiò, Patrizio Trampetti, Massimo Ranieri, Roberto De Simone e tanti altri oltre a essere stata la protagonista di molti spettacoli.
Cantando in giro per il mondo assieme a Bennato, ha ricevuto l’influenza della musica folk di svariate culture che le hanno trasmesso nuovi suoni e ritmi quali elettronica, jazz, rock e bossa nova che lei ha sapientemente fuso creando il progetto “Napolievolution”.

In questa nuova avventura, che sar  presentata venerd in anteprima nazionale, la Tramma sar  accompagnata da valenti musicisti Edoardo Puccini alla chitarra e ai battenti, Ernesto Nobili alle chitarre, Vittorio Cataldi al piano, Roberto Giangrande al Basso, Peppe Fiscale alla tromba ed ai fiati ed Enzo Pinelli alla batteria; con la partecipazione straordinaria di Eugenio Bennato.

Sara Tramma spiega che lo spettacolo nasce dalla ricerca della cultura della napoletanit  che esiste nel melting pot di tante altre culture capace di contaminarla e di sovrapprorsi nei secoli creando quella attuale.

L’intenzione dello spettacolo è di contemporaneizzare la napoletanit  attraverso l’inflessione di nuove realt  musicali provenienti dal sud del mondo che non hanno avuto ascendente in passato sulla tradizione napoletana, come il Brasile e la Jamaica, portando con s nuovi ritmi quali il reggae e la bossa nova. L’incontro di questi diversi generi musicali e di queste differenti culture sembra trovare la sua collocazione naturale all’interno della lingua napoletana grazie alle sue sonorit  che le hanno permesso di essere famosa in tutto il mondo; il tutto è poi impreziosito dalla splendida voce di Sara Tramma.

L’autrice definisce Napoli un pensiero, un’idea e una speranza ed è proprio grazie a questo pensiero e al rapporto con la sua citt  che, per lei, Napoli si è trasformata in quella musa ispiratrice che le ha consentito di diventare una cantautrice.

Sara Tramma si è scoperta cantautrice da poco grazie a quello che lei ha definito un viaggio all’interno di Napoli. Aiutata anche dalla lingua napoletana che, dice, non ha bisogno di musica, perch nasce gi  ritmata grazie ai suoi suoni che creano da soli una melodia.

Le premesse per uno splendido spettacolo ci sono tutte non resta che partecipare venerd a un unico evento in terra partenopea per farsi rapire dalla voce di questa bravissima artista napoletana.

In foto, Sara Tramma