Scatti di Passione. In occasione della rappresentazione della Passione di Cristo di Gesualdo (Avellino) l’organizzazione “Citt  di Gesualdo” e l’associazione “Antrocom Onlus Campania” lanciano il concorso fotografico “Scatti di Passione”.

La manifestazione si svolger  venerd 2 aprile a Gesualdo (ore 10) e le iscrizioni si effettueranno il giorno stesso allo stand di “Antrocom Onlus Campania” in piazza Neviera. Il termine per l’invio delle fotografie è fissato al 30 aprile 2010.

Il programma prevede un susseguirsi di eventi, dal concorso fotografico “Scatti di Passione” ai mercatini locali con i prodotti tipici della terra. I luoghi sacri e la rappresentazione della via Crucis.

Il concorso ha come obiettivo lo stimolare la creativit  umana dei nuovi artisti, dare loro la possibilit  di farsi conoscere. Il tema è la valorizzazione dei luoghi, il rapporto con la terra in un perfetto legame tra passato e presente.

Gli scatti dovranno rappresentare il contatto con la madre-terra, la lunga tradizione che ormai si sta perdendo, sono richiesti ambientazioni, colori e forme, che raccontano al meglio, posti, luoghi e tradizioni legate a queste terre per un recupero storico-identitario.

Stretto il legame con la manifestazione religiosa. I luoghi si trasformeranno in una sorta di palcoscenico, dove sar  rappresentato il calvario di Cristo, lungo un percorso stabilito.

L’associazione “Antrocom Onlus Campania” si fa portavoce di progetti importanti, come favorire la conoscenza di luoghi ormai sconosciuti, il recupero delle aree, progetti di sviluppo, promozione delle campagne di comunicazione sociale, attraverso la creazione di laboratori socio-antropologici, di corsi e seminari, in cui si affrontano problemi sociali come il disagio giovanile, la devianza e le differenze culturali.

L’associazione, composta da antropologi esperti, nasce a Napoli nel 2008 con l’intento di preservare l’identit  culturale dei luoghi con strumenti multimediali. Svolge, infatti, attivit  di produzione multimediale, marketing territoriale, comunicativo e sociale.

Il vicepresidente, Michela Forgione, spiega: “L’evento ricostruisce la condanna a morte di Cristo, però legata alla storia di Carlo Gesualdo. La mostra fotografica nasce per rivalutare la memoria del posto”. E continua: “La prospettiva è da ricercare nel marketing territoriale. Enfatizzare le potenzialit  del territorio e gli aspetti non valutati”. E anticipa: “Stiamo creando un database on line, “Ritratti fotografici”. Una raccolta di immagini dal 1930 in poi, dove viene evidenziato il concetto di famiglia”.

Per info www.campania.antrocom.org

Nelle foto, alcuni momenti della via Crucis