Ma ‘ncopp”a nave,

che si schianta ‘nmiez’all’onne do’ mare,

loro…

anime accoppiate dal fato,

comm’ all’ambo ‘o banculotto,

sono sereno cielo stellato dint”o niro da’ tempesta!

Domani non ci sarò!

di Franco Autiero

I teatri vanno chiusi (pubblici e privati). Il teatro in Italia è un autogrill dove trovi di tutto dalla cravatta al caffè, ma è tutto scadente. E allora chiudiamo i teatri alle merci, sgombriamo gli scaffali degli spettacoli in offerta speciale, tre per due e quattro per cinque, e via i mercanti dal tempio. C’è bisogno di un teatro che formi un pubblico nuovo con eventi teatrali nuovi e sinceri, con artisti che si rivolgano alla collettivit  all’assemblea che si riunisce in sala, per capire insieme qualche cosa, anche se piccola, e non per fare carriera o avere un facile consenso.

di Leo de Berardinis

Na coscia a mme, nu vraccio a n’ato, ‘o core nu piezzo peròno,

‘o cazzo a tuttuquante, uommene e femmene.

Eguaglianza!

Pigliate ‘a valanza,

pesammo ‘a fratellanza,

rignimmoce ‘a panza

e magnammoce nuie stesse cu crianza!

Uè! Uè!

Se n’è fuiuto ‘o Re!

Piglia ‘a mazza e scutula!

di Roberto De Simone

A nuttata è passata … passata,

e stanno ancora durmenno

chille ll  ncoppa … ncoppa?

Vulesse sap comme fanno

cu stu calore … stu calore!

Ma forse hanno raggione lloro … loro

Chille ll  ncoppa … ncoppa,

è meglio ca se dorme,

quanne se dorme, nun se sente

niente … niente…

di Enzo Moscato

tempo di mettersi in ascolto. tempo di fare silenzio dentro di s.

tempo di essere mobili e leggeri, di alleggerirsi per mettersi in cammino. tempo di convivere con le macerie e l’orrore, per trovare un senso. Tra non molto, anche i mediocri lo diranno.

di Antonio Neiwiller

E po’ co sta lengua toscana avite frusciato lo tafanario a miezo munno! Vale cchiù na parola napoletana chiantuta ca tutte li vocabole de la Crusca!… Ah! Che grand’omme! Parole sante! E quale auto lenguaggio se lo pò mettere ‘mparagone?…Nisciuno! Nisciuno! Chi decerr  che lo parlare latino n’è no gran parlare? E puro Pompeo Magno, venuto a Napole e ‘nnammoratose de sto parlare nuosto, lassaje lo latino…

di Annibale Ruccello

Spaparanze sti llastre ‘e stu balcone…

arape tutt’ ‘e fenestelle…

p’arint’ ‘e ssencature….

ffa’ tras aria doce,

fina-fina…. ‘nfosa…

aria pulita-pulita…

cumme ‘a nu balsamo-conforto

unguento….

….int’a stu triatre-letamaio….

Hypokrites jate ‘nfunno e lassateme resciat …

di Domenico Sabino

In foto, Franco Autiero visto da Domenico Sabino