A Galleria Toledo va di nuovo in scena Shakespeare. Questa volta con “Misura per misura” per la drammaturgia e regia di Laura Angiulli dal 15 al 23 marzo. Sul palco Alessandra D’Elia, Federica Aiello, Giovanni Battaglia, Agostino Chiummariello, Stefano Jotti, Michele Danubio, Luciano Dell’Aglio, Gennaro Maresca, Vittorio Passaro, Maria Scognamiglio. Impianto scenico Rosario Squillaceluci Cesare Accetta, assistente alla regia Flavia Francioso, comunicazione Roberto Miele, produzione Lavinia D’Elia.
L’opera, complessa e trasgressiva fra commedia e dramma, torna in scena per ricordare quattro secoli dalla morte dell’autore. Ma anche incredibilmente contemporane Tutto comincia con il volontario allontanamento di Vincenzo, Duca di Vienna e il conseguente affido di ogni potere all’irreprensibile e puritano Angelo che pensa di poter ricondurre il popolo alla contenutezza dei costumi e al rispetto delle leggi.

Filo conduttore è la vicenda di Claudio – condannato a morte per avere resa incinta Giulietta sua sposa segreta- e l’intervento della di lui sorella Isabella, “eroina casta e apocalittica”, la cui bellezza accende d’incontenuta passione Angelo ecco dunque il sovvertimento morale, anche di colui che della morale avrebbe dovuto essere custode, con la ricattatoria richiesta di prestazione carnale. Ma al primitivo puritanesimo di Angelo, ormai da lui tradito nei fatti, corrisponde nella ragazza una ben più radicata interpretazione della propria illibatezza cos che, nella tessitura di controverse soluzioni, Vincenzo è costretto a riprendere il ruolo che il titolo gli affida, per portare a salvezza Claudio, e non solo, con finale di nozze riparatrici.
Si muove intorno un popolo di prostitute, ruffiani, sedicenti operatori del sesso illecito molto gustosamente messo a fuoco; e con brillantezza vengono evidenziati il degrado e l’inconsistente competenza della burocrazia, di cui l’eccellente Gomito si fa testimone grazie anche alla dotazione linguistica che gli è conferita, irresistibile per comicit  e suggestioni del carattere, come sottolinea la regista Laura Angiulli.

Galleria Toledo teatro stabile d’innovazione
via Concezione a Montecalvario, 34 Napoli
linea 1 M/ stazione Toledo / uscita Montecalvario
biglietti dal marted al venerd intero 15 euro / ridotto 12 euro (per convenzionati e over 65) / giovani under 26 10 euro sabato e domenica intero 20 euro / ridotto 15 euro
promozione per gruppi (minimo 5 persone) 10 euro
info t.+39 081425037
galleria.toledo@iol.it

Articoli precedentiIl seminario Quando una città  puಠrinascere conservando e innovando
Prossimo articoloSmartup Optima, un premio per gli artisti under 40. Vince l’orologio di Hiroshima