Circa otto anni fa nasceva nel centro antico Manidesign, galleria dedicata all’arte applicata e non, di respiro internazionale con un occhio sempre puntato ai talenti del territorio, non ai soliti nomi, ma soprattutto alle giovani idee. Fondatrice e direttore artistico dello spazio è Simona Perchiazzi, nata a Chiaia e “emigrata” all’ombra del campanile di Santa Chiara, in un area difficile nonostante la profonda bellezza. Non una mercante ma una gallerista il cui spazio però vive del commercio delle opere.

Anni di lavoro ripagato dalla stima e dal successo dei percorsi creativi seguiti da chi ha debuttato nelle sue sale e con lei è cresciuto, e poi la scure della crisi che minaccia di abbattersi su uno spazio che fa della ricerca e della qualit  i suoi presupposti.

Da qualche mese girava la voce della chiusura di Manidesign e con essa il disappunto di chi ne conosce l’attivit : altri luoghi del genere in citt  non ce ne sono e il centro storico ha bisogno di questi indirizzi speciali per sopravvivere all’avanzata di pizzette rie e kebab.

Nasce cos l’iniziativa SOSteniamo Manidesign: “è nata spontaneamente da una cordata di intellettuali e artisti che ci vogliono sostenere spiega Perchiazzi a partire da Francesca Amirante che ha lanciato il progetto ed è stata seguita da Riccardo Dalisi, Mario Avallone (Stanza del gusto), Massimo Schisa (Gay Odin) e altri intellettuali. L’idea è quella di una associazione a sostegno della galleria attraverso una sottoscrizione annuale, del resto cos funzionano molte istituzioni culturali. In questa galleria si avvicendano circa quarantacinque creativi tra designer e artisti, è un indotto e va sostenuto”.

L’iniziativa sar  presentata sabato 12 alle 19.00 nella sede di Manidesign con l’aperture di una mostra collettiva che raccoglie diciotto degli artisti che negli anni hanno esposto in galleria, tra questi ci sar  anche Mary Cinque che dipinger  in estemporanea i ritratti degli ospiti che potranno acquistarli devolvendo la somma all’associazione. Saranno messe in vendita anche le shopper con il logo disegnato da Fabio Scotto Clemente, ad una cifra simbolica per il pubblico degli studenti che vorr  sostenere la causa. Esporranno anche: Carolina Ciuccio – Riccardo Dalisi – Marcello D’amato – Kirka de Jorio – Antonio Gallinaro – Filippo Ianniello – Lucio Iezzi – Franco Lancio – Anna Maglio – Luigi Pagano – Antonio Picardi – Angelo Ricciardi – Vincenzo Rusciano – Sofia Scarano – Chiara Scarpitti – Rino Sorrentino – Fabrizio Vatieri.

A conferma dell’importanza del luogo per tutta la comunit  del centro storico, Gino Sorbillo offrir  vino e inediti assaggi gourmet della sua storica pizzeria di Via Tribunali che da sempre accoglie gli artisti ospiti di Manidesign.

La collettiva sar  visitabile fino al 12 settembre.

Manidesign è in Via San Giovanni Maggiore Pignatelli 1b
Info: www.mani-design.it

LA NOTIZIA/ INCONTRO CON L’IMPERATORE ADRIANO

L’impero romano a Napoli. Sabato 12 giugno, alle ore 17.30, all’Associazione Culturale Lucana in via R. Tarantino, 4 si presenter  il saggio romanzato “Adriano nei campi Flegrei” di Mario Sirpettino (Kairs Edizioni). All’incontro con l’autore interverr  Marisa Pumpo Pica del Centro Culturale “Cosmopolis”. Modera Maurizio Sibilio. Letture di Giuseppe Nutini.

Protagonista del nuovo saggio romanzato di Mario Sirpettino, “Adriano nei campi Flegrei” (Kairs Edizioni, pagg. 128, € 12,00), è ancora una volta un imperatore: Adriano.
Nella terra sacra alle divinit , sulle sponde dell’Ade, a due passi dall’Averno e dalla Sibilla Cumana, la storia domina anche sui fantasmi che affollano antri e selve di marmo: nella fumeggiante dimora baiana, Adriano elever  il canto dell’anima “della stessa sostanza degli spettri”.
Avvincente la descrizione dell’imperatore e delle sue opere in terra flegrea, resa da Mario Sirpettino con una prosa che, pur nel pieno rispetto del rigore storico, diventa poeticamente esaltante, autentico canto d’amore verso quei Campi Flegrei eletti a immagine e dimora dell’animo umano.
Il volume di Sirpettino è inserito nella collana di storia e mito di Napoli e della Campania “Il canto di Miseno”.

Nelle immagini il logo di SOSteniamo Manidesign e il gruppo di lavoro con Simona Perchiazzi (seconda da sinistra) insieme al suo staff