La comunicazione politica al tempi dei social network. Cosi s’intitola la tesi di laurea in Scienze della Comunicazione di Anna Negro che racconta la rivoluzione amministrativa 2.0 in atto a Marcianise dal 19 giugno 2016.
Dal giorno della sua elezione a sindaco Antonello Velardi, caporedattore del quotidiano “Il Mattino”, non ha saltato per una sola sera l’appuntamento con Il diario di un sindaco, appuntamento quotidiano con il quale attraverso il web e i social network descrive  l’esperienza di governo di uno dei più importanti comuni campani.
Le sue inchieste giornalistiche contro il malaffare e il sistema camorristico gli sono costate da circa un mese l’accompagnamento della scorta disposto dal prefetto di Caserta dopo le continue minacce ricevute. Anna Negro (anche lei di Marcianise) ha presentato la sua tesi oggi nella Sala Villani dell’Università Suor Orsola Benincasa dinnanzi alla commissione presieduta dal sociologo Antonello Petrillo, direttore dell’Unità di Ricerca sulle Topografie sociali dell’Ateneo napoletano.
Una ricerca che evidenzia come la grande novità  dell’esperienza descritta risieda, come sottolinea l’autrice,  «nell’utilizzo dei social network non tanto per l’acquisizione del consenso elettorale quanto per una stabile ‘azione amministrativa condivisa’ con l’utilizzo della ‘rete’ che assume la duplice valenza di strumento di realizzazione della cittadinanza attiva e di strumento di azione investigativa e di denuncia per combattere quelle forze criminali che negli anni hanno sempre ostruito la meritocrazia e la legalità nel lavoro delle istituzioni e delle imprese di tanti comuni del Mezzogiorno ».
In foto, Anna Negro con Antonello Velardi e la relatrice della tesi, Maria D’Ambrosio