Teatro: pedagogia e didattica. E’ il nuovo master lanciato dall’Università Suor Orsola Benincasa. Tra metodi, tecniche e pratiche delle arti sceniche: sarà un innovativo percorso di formazione condivisa tra i partecipanti e un selezionato team di attori, registi, danzatori, drammaturghi e professionisti dell’arte scenica, nonché di esponenti della ricerca formativa.
Iscrizioni aperte fino al 15 gennaio. Il coordinamento artistico è affidato a Francesco Saponaro formatosi negli anni da assistente regista con Toni Servillo, Marco Baliani e Renato Carpentieri  e oggi  componente del comitato scientifico della Fondazione Eduardo De Filippo.
Spiega il regista: «Sarà un corso di “addestramento alla messinscena” esaminata nella sua globalità, attraverso l’analisi delle dinamiche relazionali, espressive, emotive ed estetiche, in un discorso a tutto campo sulla storia e sulle tecniche fondative del fare teatro».
Un percorso di alta formazione nel quale si lavorerà sulle arti sceniche a tutto tondo: scenografia, musiche, luci, costumi, contesti alternativi di apprendimento per la costruzione di una drammaturgia didattica fondata sull’azione.
«Al centro – sottolinea Nadia Carlomagno, attrice, docente di Pedagogia sperimentale all’Università Suor Orsola Benincasa e coordinatrice scientifica del master (foto in scena) – l’esplorazione e il potenziamento delle aree di ricerca espressiva, emotiva, creativa e relazionale, oltre che cognitiva, attraverso laboratori dedicati al training, alla ritmica, al movimento del corpo, alla danza, alla voce, alla dizione, alla recitazione, alla musica, alla drammaturgia e alla regia investigando i diversi linguaggi, compreso quello cinematografico».
Uno strumento pedagogico che si rivolge a laureati e diplomati di ogni disciplina ma soprattutto a professionisti o aspiranti professionisti di settori diversi: artisti, insegnanti di scuole di ogni ordine e grado, formatori, educatori e professionisti che operano nelle istituzioni socio-educative e socio-sanitarie nelle quali è possibile avvalersi anche dell’esperienza teatrale come strumento di intervento sociale.
E dal master nascerà un laboratorio permanente di recitazione e di regia che sarà anche oggetto di ricerca scientifica e la pubblicazione dei migliori lavori di tesi. Il percorso formativo (che vale 60 cfu utili anche nei pubblici concorsi come quelli per l’insegnamento o nella valutazione dei crediti universitari aggiuntivi) prenderà il via il 19 gennaio (fino al novembre 2018) con lezioni frontali e laboratoriali strutturate con un appuntamento settimanale previsto il venerdi pomeriggio e con i seminari condotti da figure di rilievo nel campo teatrale e cinematografico il sabato mattina. 
Per saperne di più
Tel. 081-2522348
altaformazione@unisob.na.it
www.unisob.na.it/master