Quando la musica diventa letteratura. Nel percorso dedicato a Pino Daniele come bene culturale, mercoled 25 novembre, alle 17.30, nella sala Villani dell’Universit  Suor Orsola Benincasa (Via Suor Orsola 10, Napoli) si svolger  l’incontro organizzato, su iniziativa di Titti Marrone, docente di Storia e tecniche del giornalismo al Suor Orsola, in collaborazione con Run Radio, la web radio dell’Ateneo napoletano, per presentare il volume “Ho sete ancora sedici scrittori per Pino Daniele” (Iocisto Edizioni), raccolta di racconti di 16 diversi autori ispirati dai temi delle canzoni di Pino Daniele.
L’antologia di racconti dedicata a Pino Daniele segna il debutto nell’editoria della libreria di tutti “Iocisto”, la prima d’Italia ad azionariato popolare (in via Cimarosa 20, al Vomero. Sedici protagonisti della scena letteraria e giornalistica italiana, tutti napoletani o legati a Napoli, si ispirano a una sua canzone, da Je so’ pazzo a Chiove a Appucundria a Napule creando una visione narrativa. Nel volume anche il ricordo di John Turturro e l’introduzione di Federico Vacalebre.
Queste le firme del libro Maurizio Braucci (“Bella Mbriana”), Antonella Cilento (“Terra mia”), Marco Ciriello (“Notte ca se ne va”), Maurizio de Giovanni (“I so’ pazzo”), Diego De Silva (“Sulo pe’ parl “), Francesco Durante (“Chiove”), Francesco Forlani (“E cerca e me cap”), Enrico Ianniello (“Appucundria”), Peppe Lanzetta (“Donna Cuncetta”), Lorenzo Marone (“Alleria”), Titti Marrone (“Quando”), Antonella Ossorio (“Lazzari felici”), Silvio Perrella (“Santa Teresa”), Angelo Petrella (“Maluviento”), Luciano Scateni (“Sotto o’ sole”), Brunella Schisa (“Napule è”).

Per saperne di più
www.facebook.com/unisob/?fref=ts

In foto, la copertina del libro