Cala il sipario sulla nona edizione del Napoli Tattoo Expo, la convention sulla body art a cura dell’Associazione Napolindelebile, in collaborazione con Friz Tattoo e Micromutazioni.
L’evento ha ospitato alcuni tra i più grandi talenti mondiali del body painting che, con estro e perizia tecnica, hanno calamitato l’attenzione dei passanti e lasciato un segno sulla pelle di chi fa deciso di tener memoria dell’expo con un ricordo indelebile.
Annoveriamo tra i big del tattoo Jeff Gogue e Alex de Pace, quest’ultimo, tatuatore italiano che vive e lavora a Grado(Gorizia) dove ha realizzato un vero e proprio “laboratorio di arte sulla pelle” selezionando alcuni tra i più accreditati maestri della body art italiana per creare un team d’eccezione che spazia in tutti i campi del disegno corporeo. In mostra all’Expo anche Jess Yen, artista giapponese specializzato nella tecnica tradizionale del Tebori tatuaggi fatti a mano per creare delicati gradazioni di tonalit  difficili da ottenere con le moderne strumentazioni.
Tebori è una parola composta da “te” che significa mano e “hori” che significa incidere, scolpire o inscrivere. Il termine veniva utilizzato per descrivere la tecnica di tatuaggiche nacque tra la fine del diciottesimo e l’inizio del diciannovesimo secolo in Giappone, con la comparsa di tatuatori professionisti nella citt  di Edo. Aghi d’acciaio, di diametro superiore rispetto ai medesimi usati in occidente, vengono sistemati in fila e legati a una lunga manica di bambù.
L’attrezzo viene tenuto con la mano destra mentre le dita della sinistra si adoperano a tendere i lembo di pelle che verr  tatuata. Oggigiorno gli aghi usati per il tebori sono monouso e il manico è in titanio o in acciaio sterilizzato in autoclave.
Ospite al tattoo Expo anche l’Airbrush show del Mediterraneo a cura di Christian Bertolini,manifestazione che mira a unire i creativi del tatuaggi con gli artisti dell’aerografia italiana. Sotto un medesimo Stand, Ivan Motta riunisce la pittrice Giulia Riva con Alberto Ponno, maestro del Fotorealismo ad aerografo, specializzato in scene di gare automobilistiche anni 50-60(esegute esclusivamente ad aerografo e a mano libera senza l’uso di mascherature) e Claudio Mazzi, accreditato artista che riproduce con l’aerografo miniature su accendini della Zippo e penne stilografiche Visconti realizzando oggetti esclusivi e da collezione.
Un’opera di Alberto Ponno è il premio per il vincitore del Contest Aerografico, una gara estemporanea giocata a colpi di aerografo tra cavalletti, tele e supporti metallici. L’expo ha promosso la causa dell’Associazione Mattia Fagnoni Onlus a sostegno della ricerca sulla Sindrome di Sandhoff mettendo all’asta 6 opere a olio su tela, durante il “Tattoo on Canvas” evento in cui tatuatori di fama internazionale come Roberto Lauro, Loris, Paul Andi Bocu e altri hanno dato prova della loro abilit  realizzando opere su tela dai sorprendenti effetti scenografici.
All’interno dell’Expo al via anche la prima edizione dell’Hip hop street contest, una jam costituita dalle quattro discipline della cultura hip hop, organizzata dall’Associazione culturale Jesce Sole & Ammontoneprod.

A COLPI DI RAP
Un esperimento felice. Premiato da grande successo è la prima edizione dell’Hip hop Street Contest, la due giorni di gare dedicata alle discipline dell’Hip Hop organizzata dall’associazione culturale Jesce Sole & Ammontoneprod collocata nella nona edizione del Tattoo Expo’ Napoli, alla Mostra d’Oltremare. Il primo posto nella sfida di breakdance è andato ai “Knef”, mentre la sfida di Dj& Beatmakers è stata vinta da “S.O.S”. Il rapper O Prio’è si è aggiudicato il primo posto nel contest di rap vincendo la produzione di un brano con registrazione in studio e passaggi radiofonici.
Inoltre O Prio”, insieme con i rapper da Mr Extra e Darione, che si sono aggiudicati il 2 e 3 posto, salir  sul palco della “Rappazza” il 2 agosto nella prestigiosa location del Maschio Angioino.
Ad animare il palco della Kermesse, insieme ai giovani talenti che hanno avuto la possibilit  di mostrare le proprie abilit  nelle diverse discipline come il canto, la creazione del ritmo, il writing, la street dance, si sono avvicendati grandi nomi della scena rap come Shaone della Famiglia e Ciccio Merolla che, insieme ai rapper Callister, Dope One, Cast, Zin, Domasan, hanno fatto scatenare il pubblico del Tattoo Expò a colpi di freeste.

Nelle foto, tatuaggio in corso

2 luglio 2012