Tutti i volti della citt . Quello turistico del lungomare, ma anche quello della quotidianit  difficile, nell’area orientale di Napoli. E’ questo uno dei meriti dell’iniziativa promossa da un gruppo di associazioni napoletane in collaborazione con l’assessorato comunale alla cultura. Incontri nelle biblioteche partenopee in tutti i luoghi metropolitani.
Domani alle 16 alle 17.30, Tempo Libero raduna soci, lettori e studenti a Ponticelli, nella biblioteca Grazia Deledda (in vico Santillo 3) per affrontare presente e futuro culturali di un quartiere troppo spesso legato, nell’opinione diffusa, all’idea del degrado. Ill ciclo “Generazioni allo specchio davanti a un libro” offre l’occasione per mostrare le risorse intellettuali di un’area dove l’associazione Il Quartiere produce interessanti lavori editoriali con cui il pubblico si confronter , discutendone con Antonio Guzzaro, che si soffermer , in particolare,su due saggi “Sepeithos, Misterioso Sebeto” (1989) di Giorgio Mancini e “Guerra di periferia Resistenza, vita quotidiana e stragi dimenticate nell’Area Orientale di Napoli 1940-1943 (2005)" di Andrea D’Angelo, Giorgio Mancini e Luigi Verolino, stimolo per una profonda riflessione sul territorio.

Non solo volumi, ma anche mostre con ampio coinvolgimento di artisti invitati a esprimere la loro visione di questo scorcio territoriale. Ne parler Maria Giovanna Mancini, raccontando l’esperienza della rassegna internazionale del Libro d’artista del 2000 e dell’esposizione Sepeithos del 1994.
Napoli non smette mai di sorprendere.

In foto, l’ingresso della biblioteca Grazia Deledda