Al Napoli Teatro Festival approda “The Suit” lo spettacolo del Maestro per eccellenza del teatro contemporaneo Peter Brook, firmato insieme a Marie-Hlène Estienne e Franck Krawczyk, una rielaborazione in chiave musicale del pluripremiato Le Costume
.
In scena al Teatro Mercadante viene presentato nella sua lingua originale, l’inglese, con una piccola orchestra che esegue le musiche dal vivo sulla scena, in una versione tra il parlato e il cantato.
Lo spettacolo racconta del govane Philmon che sorprende la moglie Matilda a letto con un altro nella casa coniugale di Sofiatown, nel Sudafrica prima dell’Apartheid. L’amante fugge dalla finestra e, per la fretta, lascia nella stanza i propri indumenti. Per punizione Philmon obbliga la moglie a trattare l’abito dell’amante come un ospite ed esige che vivano in una sorta di mnage a trois. L’abito, che d  il titolo alla pièce, si trasforma magicamente in una presenza crudele e angosciante nella vita della protagonista diventa oggetto e simbolo di una vendetta coniugale che arriver  a tragiche conseguenze.
Il maestro inglese Peter Brook (al suo attivo ha oltre 90 spettacoli, 13 film, 11 regie liriche, e 12 libri) fa muovere il suo spettacolo tra commedia musicale, racconto e tragedia. Nonostante la leggerezza dell’atmosfera dai colori caldi dell’Africa e la comicit  di alcuni quadri, la storia ripercorre il tema del razzismo. Attraverso scenografie ridotte al minimo, appendiabiti e sedie colorate, mette in scena uno spettacolo poetico ed emozionante in omaggio alla cultura sudafricana.
Lui stesso afferma “Bisogna poter raccontare questa storia tragica senza che alla fine lo spettatore abbia l’impressione di qualcosa di negativo”.
In effetti ciò che rimane, oltre alla tragica storia, è una sorta di animalit  primitiva che l’Africa ci richiama attraverso i suoi colori forti, le sue sonorit  ed i suoi canti.
Bravissimi gli attori Nonhlanhla Kheswa, Jared McNeill, William Nadam ed i musicisti Arthur Astier, Raphael Cambouvet, David Dupuis.
In replica ancora il 23 giugno alle 22.30 e 24 giugno alle 2000
Inoltre, sperimentando la formula di lavoro biennale proposta quest’anno dal Festival, Peter Brook torner  a Napoli anche nel 2013, con un spettacolo commissionato dal Napoli Teatro Festival Italia.

In foto, tre momenti dello spettacolo