Toni Servillo in scena per gli operai di Pomigliano d’Arco. L’attore (foto), Premio Oscar con il film di Sorrentino, “La Grande bellezza”, sabato 31 ottobre, alle 20.30, salir  sul palco del teatro Gloria, viaggiando tra le parole di Napoli, da Salvatore Di Giacomo a Ferdinando Russo, da Raffaele Viviani a Eduardo De Filippo e Antonio De Curtis, arrivando alle pagine contemporanee di Enzo Moscato, Mimmo Borrelli, Maurizio De Giovanni e Giuseppe Montesano. Lo spettacolo “Servillo legge Napoli” cancella le icone ingrigite della napoletanit , facendo emergere l’esigenza di riaffermare una identit  sedimentata da quattro secoli di letteratura.
L’incasso dell’evento andr  a un fondo sociale istituito da Fiom, Libera e Parrocchia S. Felice in Princis. L’iniziativa è promossa da Legami di Solidariet , l’associazione di volontariato nata dall’iniziativa di Libera, Fiom-Cgil e Don Peppino Gambardella, parroco della Parrocchia di S.Felice in Princis di Pomigliano d’Arco per creare un fondo mutualistico a favore dei lavoratori in cassa integrazione, precari, disoccupati e inoccupati.
«Il progetto spiegano i promotori della manifestazione-vuole coniugare solidariet  e impegno, cultura e partecipazione, corresponsabilit  e giustizia sociale. Ringraziamo per la disponibilit  Toni Servillo e Teatri Uniti che hanno subito sposato la causa. Un primo passo dove la solidariet  diventa concretezza per costruire legami nella societ  necessari e fondamentali per realizzare comunit  responsabili. Questo tipo di iniziative sono utili a interrompere l’indifferenza dilagante la solidariet  è l’elemento principale per ricostruire legami nella societ  al fine di realizzare comunit ».

Il biglietto costa 20 euro
Per saperne di più
I

www.facebook.com/events/1642638086008580/
www.go2.it/evento/tony_servillo_-_legge_napoli_/2277