Arriva anche a Napoli “Toponomastica femminile”, il progetto nazionale che si prefigge l’obiettivo di rendere più “rosa” l’elenco italiano di strade, piazze e vicoli. E approda nella citt  cara alla sirena Partenope con il convegno “Toponomastica femminile buone pratiche in Comune”, in programma venerd 18 gennaio 2013 dalle 1530 alle 1900 presso l’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino.
Dopo l’audizione del gruppo di toponomastica femminile di Napoli presso le Commissioni consiliari Pari Opportunit  (presieduta dal Consigliere Comunale Gennaro Esposito) e Beni Comuni e Toponomastica (presieduta dal Consigliere Comunale Amodio Grimaldi), il 3 ottobre scorso la Giunta ha deliberato l’istituzione del regolamento sulla toponomastica che prevede di adottare i criteri del riequilibrio di genere.
A Napoli meno di un quinto dei toponimi è femminile, la met  di questo quinto è costituito dai nomi di sante o dal nome della Vergine Maria, madre di Gesù, nelle forme Maria e Madonna con diversi derivati. Il residuo di questa esigua percentuale è dedicato a donne mitologiche e nomi di fantasia e solo il 3% si riferisce a figure umane. Su 3771 strade, le donne realmente esistite e significative dal punto di vista culturale e storico sono l’1,2% a fronte del 31% degli uomini.
Il convegno, coordinato e moderato da Giuliana Cacciapuoti del Comitato scientifico di Toponomastica femminile, prevede i saluti istituzionali del sindaco Luigi de Magistris e dei consiglieri Amodio Grimaldi, Gennaro Esposito e Simona Molisso (Presidente della Consulta delle Elette), nonch gli interventi di Livia Capasso (referente Regione Lazio di “Toponomastica femminile”), Daniela Sautto (referente Regione Campania di “Toponomastica femminile”), Antonella Rinaldi (gi  Interna presso il Consolato Generale d’Italia a Boston) e Pina Arena (referente Sezione Didattica Toponomastica femminile).
La presidente della Consulta delle Elette del Comune di Napoli Simona Molisso sostiene che detta iniziativa è inquadrata in un’ottica di genere. Ritiene fondamentale la partecipazione delle donne nelle istituzioni e rivendica la battaglia emendativa fatta all’atto deliberativo votato in Consiglio Comunale nello scorso mese di ottobre.
Il presidente della Commissione Pari Opportunit  del Comune di Napoli Gennaro Esposito fa notare che la proposta nasce da un percorso partecipato ed in un rapporto sinergico tra cittadini e istituzioni (Commissioni Consiliari, Consiglio Comunale).
Infine Silvana Cacciapuoti del Comitato Scientifico di toponomastica femminile afferma che non bisogna perdere la memoria storica delle donne. Napoli è tra le prime citt  italiane a darsi questo percorso.
Il convegno sar  possibile grazie all’impegno di Centro Archivio Donne dell’Universit  degli Studi di Napoli l’Orientale, Centro Studi Canadesi Societ  e Territori dell’Universit  degli Studi di Napoli l’Orientale, Federazione Nazionale degli Insegnanti, Associazione “Donne e Scienza”, Societ  Italiana delle Letterate, Societ  italiana delle Storiche e Gruppo consiliare “Ricostruzione Democratica”. Per promuovere l’iniziativa anche nel settore scolastico, nell’ambito del convegno ci sar  anche il concorso fotografico e di idee “Tre strade tre donne” che individuer  i nomi di donne da utilizzare nell’attribuzione odonomastica delle vie di Napoli.

GLI ORGANIZZATORI E IL PROGRAMMA

Centro Archivio Donne dell’Universit  degli Studi di Napoli l’Orientale
Centro Studi Canadesi Societ  e Territori dell’Universit  degli Studi di Napoli l’Orientale
Federazione Nazionale degli Insegnanti
Associazione “Donne e Scienza”
Societ  Italiana delle Letterate
Societ  italiana delle Storiche
Boston Women’s Heritage Trail
Gruppo consiliare “Ricostruzione Democratica”

Toponomastica femminile buone pratiche in Comune
Napoli, Antisala dei Baroni – Maschio Angioino
18 gennaio 2013 venerd orario 15,30-19,00
Saluto istituzionale
Luigi de Magistris
Sindaco di Napoli
15,30-16.00 Accoglienza e registrazione partecipanti

16,00-16.40 I sessione Le buone pratiche dell’amministrazione comunale
Coordina e modera Giuliana Cacciapuoti -Comitato scientifico di Toponomastica femminile
Consigliere Amodio Grimaldi Presidente Commissione Toponomastica Comune di Napoli
Consigliere Gennaro Esposito Presidente Commissione Pari Opportunit  Comune di Napoli
Consigliera Simona Molisso Presidente della Consulta delle Elette

16.45-17.45 II sessione La Toponomastica in …Comune
– Maria Pia Ercolini Fondatrice e Coordinatrice Nazionale di “Toponomastica femminile”
“Presentazione del progetto nazionale di Toponomastica femminile”
– Livia Capasso Referente Regione Lazio di “Toponomastica femminile”
“Le donne nelle strade di Napoli”
-Daniela Sautto co-Referente Regione Campania di “Toponomastica femminile”
“La Region            6                 è« «    oè  á«sptBLlibrineBlinkBBd dBd d«BpGBB«7Be«BEBBèMODEBHlèNOèBB» OJBe
BtnBBBBRpepoe Campania, dati e prospettive”

18.15-18.30 III sessione Buone pratiche da Oltreoceano
– Antonella Rinaldi gi  Intern presso il Consolato Generale d’Italia a Boston
L’esperienza del “Boston Women’s Heritage Trail”

17.45-18.15 IV sessione Buone idee e buone pratiche per le scuole
Studentesse e studenti delle scuole superiori partecipano all’iniziativa

“Tre strade tre donne per l’otto marzo” con il concorso fotografico e di idee
Presentazione di Pina Arena- Referente Sezione Didattica Toponomastica femminile
Discussione e confronto sul lavoro avviato;
hanno gi  aderito Liceo Margherita di Savoia; Liceo Eleonora Pimentel Fonseca, Liceo Linguistico Tommaso Campanella.

Coordina e modera Giuliana Cacciapuoti – Comitato scientifico di Toponomastica femminile.

Per saperne di più
convegnonapolitopfem@libero.it

www.toponomasticafemminile.it

In alto, uno scatto di Vincenzo Amato nei dintorni di piazza del plebiscito