Archeologia, natura e spettacolo per ammaliare gli spettatori. Torna a Napoli dal 14 settembre al 5 ottobre la rassegna "Pausilypon suggestioni all’imbrunire”. Dopo il successo che la IV edizione ha ottenuto a maggio scorso, con oltre tremila presenze in otto serate, il centro studi interdisciplinari Gaiola onlus, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale ai Beni Archeologici di Napoli e Pompei, propone sette nuovi appuntamenti, grazie al supporto di azienda Cupiello, Associazione Italiana Sommelier, A.R.IN., Pulimar Srl e R.C Impianti srl.
Si parte sabato con un ospite internazionale del calibro di Mbarka ben Taleb, cantante e compositrice tunisina, capace di incantare il pubblico dei Live, cantando e suonando la darbuka, mescolando potenza e grazia, tradizione e modernit . Sul filo di due grandi civilt  del Mediterraneo, mescolando canzoni originali con musica araba tradizionale e moderna, nei suoni melodici napoletani. L’aperitivo è offerto da Cantine La Molara di Luogosano e “Cupiello l’arte del gusto”.
Si prosegue domenica con il “Mio Giorno Speciale" di David Jentgens e Stefano Scognamiglio. Con Stefano Scognamiglio, canta Mariette Witteveen. Quartetto d’archi dell’ “Accademia reale”. Attraverso le più note e suggestive arie di G.F. Hndel gli autori provano a raccontare la bellezza e la sofferenza dei castrati, di un mondo in cui in nome del bel canto centinaia di migliaia di bambini “sono stati privati della propria peculiarit  sessuale, quindi della propria identit , e quindi di ogni possibilit  di condurre una vita normale”.
Da segnalare il 5 ottobre, l’esibizione dell’ orchestra acustica del Pausilypon, a cura di Francesco Capriello con la collaborazione di Paolo Bat  Bianconcini. Che debutta con un omaggio alla cultura Cubana. Nel programma canti tradizionali della Santeria dedicati agli Orichas, semidivinit  appartenenti originariamente alla mitologia del popolo Yoruba dell’Africa occidentale. Il tutto con arrangiamenti originali.
Gli incassi delle serate, (artisticamente dirette da Capriello e Scognamiglio), sono destinati al recupero del cosiddetto “Calidarium” del complesso archeologico del Pausilypon, elemento architettonico di enorme rilevanza storico-archeologica, afferente alle terme superiori della villa imperiale, oggi inaccessibile. Il progetto sar  sviluppato dai ricercatori del CSI Gaiola Onlus, con la supervisione di Giuseppe Vecchio della SBANAP e vi collaboreranno studenti e docenti delle principali universit  partenopee.
Prima di ogni appuntamento è prevista una visita guidata nell’antico e suggestivo luogo, per incontrare, poi, gli artisti (coinvolti nella manifestazione) all’Odeion e nel Teatro dell’Antica Villa D’Otium di Publio Vedio Pollione.

Per saperne di più
0812403235 – 3285947790 tutti i giorni tranne il luned dalle 10 alle 16
info@gaiola.org
IngressoGrotta di Seiano in discesa Coroglio 36
Duratacirca 3 ore
Ingresso con visita guidata dalle 16.30 alle 17.20
dalle 17.20 alle 17.40 ingresso senza visita guidata.
Contributo euro12 agevolazioni per studenti e chi possiede Campania Artecard
Prevendite
www.etes.it
In foto, una serata della rassegna organizzato nella scorsa primavera
Clicca il video
www.youtube.com/watch?v=dwrVLOIgO5Q