Napoli, punto di riferimento nella cultura e nella musica europea, culla di una scuola musicale universalmente riconosciuta. Che il direttore francese del Museo di Capodimonte Svain Bellenger rilancia, in sinergia con la direttrice del Conservatorio di San Pietro a Majella, Elsa Evangelista, rinnovando una tradizione ancora viva nella memoria non solo dei napoletani ma degli italiani, quella, appunto, del luglio musicale.
Il rapporto particolare tra il mondo intellettuale francese e il prodotto culturale che Napoli offriva è documentato sin dal Settecento, quando al tempo del Grand Tour la citt  divenne mèta dei viaggiatori e dei musicisti che volevano toccare con mano la peculiarit  della scuola musicale di Napoli. Anche Mozart rimase affascinato da Napoli dal suo teatro musicale e tutti i compositori che saranno eseguiti rivelano un forte legame con la citt  partenopea Verdi, Rossini, Mercadante che fu “napoletano” di adozione fino a Bellini e anche agli autori in debito con la tradizione della canzone napoletana classica.
Sul solco di una grande storia che continua, però, a generare talenti, parte gioved 7 luglio, alle 19, la rassegna di concerti gratuiti, nella zona del Belvedere ripristinata, con vista sul golfo di Napoli. Si comincia con “Mozart e Napoli “. Protagonista, l’orchestra del Conservatorio San Pietro a Majella diretta da Francesco Vizioli e con Andrea Caputo al clarinetto. In programma la Sinfonia KV 74 in sol maggiore (gi  ouverture dal Mitridate Re del Ponto), il Concerto KV 622 per clarinetto e orchestra e la Sinfonia KV 338 in do maggiore.

Gioved 14 luglio, alle 19.30, toccher  a “Una serata all’opera da Paisiello a Verdi”, con il soprano Clarissa Costanzo, il tenore Massimiliano Silvestri e il basso Mariano Buccino. La stessa orchestra sar  diretta da Demetrio Moricca. In programma, arie tratte da opere di Giovanni Paisiello – di cui quest’anno sono state svolte le celebrazioni per il bicentenario della morte – Wolfgang Amadeus Mozart, Gioacchino Rossini e Giuseppe Verdi.

Domenica 24 luglio, alle 1, di scena il “Grand Tour”, con Marco Pasini al pianoforte accompagnato dall’Orchestra del Conservatorio San Pietro a Majella diretta da Francesco Vizioli che proporranno “Sinfonia” da Il viaggio a Reims di Rossini, il Concerto n.1 per pianoforte e orchestra di Franz Liszt e la “Carmen Suite” di Georges Bizet.

Finale vesuviano domenica 31 luglio alle 19 "Partenope in salotto dalle arie da camera alla canzone napoletana”. Il soprano Clarissa Costanzo e il basso Mariano Buccino, accompagnati dal pianoforte di Antonio Maione, offriranno un viaggio nel repertorio dalle arie da camera all’affascinante della canzone partenopea di autori tra cui Vincenzo Bellini, Francesco Paolo Tosti, Saverio Mercadante, Gaetano Donizetti e Luigi Denza.

Info per il pubblico saranno disponibili 250 posti per il pubblico ma senza limitazione di ingresso che potr  effettuarsi sia da Porta Piccola che da Porta Grande.
tel 081 7499111 mu-cap@beniculturali.it

In foto, il Belvedere di Capodimonte