Pure io so’ stata innamorata perch pure io so’ femmena… Femmena mò!… Mezza!!… Perch io sono una pescia si! Ma sempre femmena sono.
Mi ero annamorata ‘e ‘nu pesce sacchetto della munnezza Quanti dubbi, quanti tribolazioni, io non ero sicura di lui, lui non era sicuro di me, ci pigliavamo sempre a pesci in faccia. Ci conoscemmo in un contenitore della munnezza, sezione differenziata umido, mi trovavo l  perch mi ero imprigionata in una rete di un pescatore. Siccome era un mese che non mi lavavo, il pescatore non sopportando la puzza, mi buttò in un cassonetto della spazzatura (dicasi munnezza) e fu la che conobbi il mio maschio pesce.
Tre mesi d’ammore e sesso sfrenato… Poi, finito lo sciopero della munnezza che durava da mesi, ci divisero. Io andai a finire in una discarica abusiva e lui.. non so che fine ha fatto, non lo visto mai più. Insomma nella munnezza ci siamo conosciuti, e nella munnezza ci hanno divisi. Ma dico io.. ‘sta guerra della munnezza doveva proprio finire quando il mio pesce maschio aveva deciso di mettermi incinta? Forse lui non mi avrebbe sposata mai, ma io speravo in una convivenza, una amore part time, niente tutti i miei sogni erano andati a finire nelle puzze storiche delle discariche.
Nun ce sta niente ‘a fa la guerra è sempre contro l’ammore…pure quella ‘e n’ammore ‘e munnezza…

P.S. Storia di una gabbianella, Luis Seplveda

‘Na jatta nera comme o gravone facette m’punto e morte 3 prumesse a n’auciell femmena incinta
“prumietteme ca nun te magne l’uovo”
“prumitteme ca o curi finchè ‘nu nasce o guaglione”
“prumitteme ca ‘na vota ca è nato ‘o mpare a vul 

In foto, Luis Sepùlveda