Cabal  (in origine Qabbalah, o Kabbalah, dall’ebraico קבלה) è parte della tradizione esoterica della mistica ebraica, in particolare del pensiero sviluppatosi in Europa a partire dal VII-VIII sec. d.c. La parola significa “ciò che è abbiamo ricevuto”, e quindi “tradizione”, acquisizione di un insegnamento trasmesso di generazione in generazione, da custodire con cura. La Cabal  è un aiuto indispensabile al processo di trasformazione della consapevolezza umana, personale e collettiva, che è la più grande opera alla quale tutti siamo chiamati ed è il tema su cui è incentrata la mostra Elevazioni & Permutazioni, dal 23 maggio all’11 luglio nel Parco e nella Barchessa dello Spazio PaRDeS Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea a Mirano (VE),Via Miranese 42. Il titolo si riferisce al fatto che nella lingua ebraica ogni lettera, attraverso il processo ghematrico, può essere permutata in numero, di conseguenza essa costituisce allo stesso tempo numero, segno e suono. Molte delle opere esposte, attraverso l’adozione di lettere e numeri “significativi”, propongono suggestive contaminazione di ambiti culturali differenti determinando cos punti di sutura tra territori di ricerca apparentemente distanti tra loro, come la cabal  e la scienza. Il logo stesso della mostra, una rielaborazione grafica dell’artista Tobia Rav , nasce dal tentativo di mettere in relazione la matenatica e l’astronomia collegando le progressioni di Fibonacci con la descrizione delle orbite ellittiche dei pianeti intorno al sole.
Dello stesso autore è la mirabile opera “Codice Celeste” dove numeri e parole scolpiscono sulla pietra architetture insolite, creando nuovi e suggestivi scorci di orizzonti visivi. Degna di nota è l’opera “Sole Kether” un olio e pastello su tavola della napoletana Carla Viparelli che con impareggiabile lirismo raffigura la mistica immagine di Keter il cui volto, come le effigi degli antichi egizi, è visibile solo in una sua parte;
l’altra met  è rivolta verso l’abisso, il mistero assoluto.
Citiamo anche il lavoro di Hana Silberstein intitolato “Carro”, mezzo simbolico di percorrenza del viaggio di crescita che l’uomo deve intraprendere per riqualificarsi spiritualmente. Decisi e impattanti sono i colori della luce e del fuoco che caratterizzano quest’opera e creano dei rimandi simbolici al Carro di Elia che è un carro di fuoco. L’evento espositivo è organizzato dall’Associazione Culturale Concerto d’Arte Contemporanea in collaborazione con lo spazio espositivo PaRDeS che da anni si propone di promuovere il dialogo tra giovani artisti ed artisti di livello internazionale e di divulgare l’arte contemporanea, in rapporto all’ambiente e al territorio, al fine di sviluppare sinergie e collaborazioni tra arte ed altri ambiti di ricerca e sviluppo. L’esposizione nasce dalla collaborazione della dott. Maria Luisa Trevisan con Nadine Shankar, docente di filosofia all’Accademia di Belle Arti Bezalel di Gerusalemme, coinvolge oltre 30 artisti italiani e stranieri che interpretano i concetti cabalistici con le tecniche e i materiali a loro più congeniali:

Ariela Bhm, Giovanni Bonaldi, Mirta Carroli, Alberto Di Fabio, Belu Fainaru, Dorit Feldman, Franco Gazzarri, Giorgio Griffa, Esther Guenassia, Emilio Isgò, Anselm Kiefer, Jiri Kolar, Frank Lalou, Tamara e Jean Pierre Landau, France Lerner, Yeud  Nathan Lev, Gabriele Levi, Giorgio Linda, Sirio Luginbühl, Gabriel Mandel Khan, Marino Marinelli, Aldo Mondino, Barbara Nahmad, Pain Azyme, Giampiero Poggiali Berlinghieri, Fishel Rabinowicz, Tobia Rav , Raphael Reizel, Robert Sagerman, Sarah Seidmann, Hana Silberstein, Carla Viparelli.

“Elevazioni e Permutazioni”, oltre che il patrocinio degli Enti Locali e della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, è realizzata anche grazie alla collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Mirano, The Venice Center for International Jewish Studies e Hangar Bicocca di Milano. La mostra sar  accompagnata dalla presentazione di film, concerti, performance,workshop e conferenze di approfondimento delle tematiche cabalistiche che vanteranno la presenza di esperti e studiosi di mistica ebraica. Riportiamo qui di seguito in calendario degli eventi:

23 maggio-Inaugurazione con l’Azione-Performance di Yeud  Nathan Lev.

5 e 6 giugno-Workshop su disegno, calligrafia, canto e danza con gli artisti Tina e Frank Lalou

5 giugno-“Cabal  e mondi della guarigione”, seminario di Daniela Abravanel.

20 giugno- Giancarlo Sonnino:l’influsso della Cabal  su Leopardi.

22 giugno- Nadav Crivelli,"Ascese ed unificazioni": il trionfo dell’immaginazione sull’intelligenza

23 giugno- Benedetto Carucci effettuer  un percorso tra Ghematri  e permutazioni attraverso i testi di Gershom Scholem e Moshe Idel.

30 giugno- presentazione del libro “Ramhal. Pensiero ebraico e kabbalah tra Padova ed Erez Israe”.

1-2 Luglio- Symposium su “Arte e Cabal “; presentazione del film “Elena in PaRDeS Viaggio nella foresta numerologica di Tobia Rav “.

Per             6          ulteriori informazioni:
www.artepardes.org

tel-0415728366

Nella foto in alto, il bozzetto dell’opera firmata da Carla Viparelli. In basso il logo della mostra