Proprio come nel film “Cesare non deve morire” diretto dai fratelli Paolo e Vittorio Traviani, anche in questo caso, in occasione della manifestazione “Il carcere possibile”, onlus della camera penale di Napoli, in collaborazione con il provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria, il garante dei diritti dei detenuti della Regione Campania e il teatro Trianon, protagonisti assoluti della scena saranno i detenuti. Giunta alla IX edizione, la rassegna di teatro presenta un programma vastissimo che spazia da un rifacimento di Edoardo fino ad arrivare a “I Promessi Sposi”.

Perch il teatro in carcere? L’idea è quella di rendere partecipi e protagonisti assoluti i detenuti al fine di proiettarli in un’ottica capace di donar loro un obbiettivo ben preciso, quale ad esempio portare a termine la messa in scena di un vero e proprio spettacolo teatrale. Da non sottovalutare è, poi, l’unione quasi fraterna che in questi casi viene a crearsi in maniera naturale. I laboratori teatrali, tenuti negli istituti, sono parte integrante dei piani pedagogici approvati e finanziati dal Provveditorato Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria. Gli spettacoli proposti rappresentano il risultato finale di un lungo lavoro di preparazione che ha coinvolto detenuti, registi, attori, magistrati, operatori penitenziari, personale di polizia penitenziaria e associazioni di volontariato.

I primi appuntamenti sono previsti per i giorni 6, 7 e 10 dicembre 2013, dalle 19 alle 2030 al teatro Trianon in Piazza Calenda numero 9, a Napoli. Luned 9 dicembre, invece, l’appuntamento è alle 11 nell’Istituto Penitenziario di Santa Maria Capua Vetere, con lo spettacolo intitolato “I colori di Napoli”. L’ingresso è gratuito e gli spettatori avranno uno sconto con voucher presso la vicina Pizzeria Trianon.

In foto, il logo della rassegna

Parteciperanno gli istituti di Airola, Carinola, Eboli, Santa Maria Capua Vetere, Vallo della Lucania ed i Minorili di Airola e Nisida. Per ulteriori informazioni e dettagli sulla manifestazione “Il Carcere Possibile Onlus” e sulla Rassegna è consultabile il sito www.ilcarcerepossibileonlus.it oppure telefonare alla coordinatrice Ilaria Ceci al numero 3295338594.