Ultimi giorni per Vermeer a Capodimonte. Domenica 5 febbraio, alle 17 e alle 18, per la #domenicalmuseo a ingresso gratuito al Museo e Real Bosco di Capodimonte, Van Gogh, Thoré, Proust e Ungaretti incontrano Vermeer, il pittore senza tempo. L’evento, a cura di Lorella Starita, sarà ancora un’occasione per ammirare la mostra Vermeer. La donna con il liuto, dal Metropolitan Museum aperta al pubblico fino al 9 febbraio.
Nella sala che ospita il dipinto, Enzo Salomone, voce recitante di centinaia di spettacoli teatrali, propone una narrazione del percorso storico-artistico del maestro di Delft e della sua fortuna critica, arricchita dalla proiezione di immagini e dalla lettura delle più belle pagine letterarie dedicate al pittore da artisti come Van Gogh e Thoré, Proust e Ungaretti.
Vermeer è il pittore della luce sognata che Proust amava: Petit pan de mur jaune avec un auvent, petit pan de mur jaune. Marcel Proust
Di lui scriveva Ungaretti: Difatti cercava la luce. Si veda com’essa vibri, per lui dai vetri, com’essa muova l’ombra, ombra della luce, ombra quasi impalpabile di ciglia mentre lo sguardo amato si socchiude, sguardo quasi – nel suo protrarsi nella memoria e nel desiderio – imitasse il segno dell’ombra.
E per Van Gogh: La tavolozza di questo strano artista comprende l’azzurro, il giallo limone, il grigio perla, il nero e il bianco (…) riunire il giallo limone, l’azzurro spento e il grigio chiaro è in lui caratteristico.
Accesso libero fino a esaurimento posti
In foto, il dipinto di Vermeer a Capodimonte