Incendium è stata una grossa iniziativa di solidariet  a sostegno della ricostruzione di Citt  della Scienza. L’idea è partita dall’associazione TempoLibero, da me presieduta ed è stato come gettare un sasso nello stagno 139 artisti, da tutta Italia e dal mondo hanno aderito subito per un progetto che si è subito concretizzato in un catalogo, una mostra al PAN e un’ asta di beneficenza col patrocinio del Comune di Napoli e dell’Unione Industriali e con il sostegno economico del Gruppo Capri srl.
Ma non è tutto qui il successo dell’iniziativa e le continue richieste di acquisto delle opere invendute all’asta, ci ha spinto a immaginare una seconda fase, una sorta di progetto itinerante che abbiamo chiamato INCENDIUM CONTINUA. In pratica, nuove location per esporre le opere non vendute in prima battuta e permettere al pubblico di visionarle e acquistarle ancora.
Una sorta di ponte tra noi, cittadini desiderosi di portare a termine nel migliore dei modi la mission di Incendium e la ricostruzione, sempre più vicina, di Citt  della Scienza. Cittadinanza attiva, l’abbiamo definita. La voglia di non stare l a guardare, di impegnarsi attivamente, di fare qualcosa. Gli artisti e noi di TempoLibero, in prima linea.
Gli acquirenti, un po’ meno. Forse per la crisi economica che incombe, forse per un individualismo che sfiora più chi possiede che chi non ha, forse per distrazione…
“All’asta quel che non ho visto è stato il cuore” ha affermato con un’espressione figurata il banditore Luciano Carnaroli, professionista delle vendite di beneficenza venuto da Roma per sposare il nostro progetto, a titolo volontario e gratuito. S, abbiamo intravisto anche qualche speculatore, qualcuno che voleva risparmiare a tutti i costi… ne siamo rimasti delusi, ci siamo stupiti. A fronte della grande disponibilit  degli artisti, quel pomeriggio afoso al Pan non ci è piaciuto.
La rete dei partner da noi coinvolti, inseriti in tutti i materiali pubblicitari, incitati alla partecipazione, ha funzionato solo in alcuni casi. Proprio le più famose tra le organizzazioni partner non si sono viste. E questo ci lascia perplessi, lo affermiamo pubblicamente e profittiamo dello spazio offertoci da un partner attivo e generoso come ilmndodisuk per stigmatizzare comportamenti detestabili. Facile aderire per comparire su stampati, banner e giornali, più difficile esibire quel “cuore” a cui il banditore faceva riferimento.
Per un’associazione come TempoLibero è stata un’esperienza entusiasmante, coinvolgente, dalla quale, tuttavia, apprendere a Napoli ciò che è poco diffuso è il gioco di squadra, tante le associazioni che fanno tutte le medesime cose e che sgomitano per un trafiletto sui giornali fare rete sarebbe la soluzione, in tempi di crisi, per lavorare meglio, per ottimizzare le risorse, per crescere tutti insieme. Laddove, però, ci sono protagonismi e prime donne questo non è possibile. E allora … ci si dimentica di partecipare e di diffondere un progetto come Incendium!
Di considerazione, in considerazione il Pan. Ci ha dato grande emozione varcare quella soglia da protagonisti, sia noi dell’associazione che gli artisti. Ci siamo sentiti subito a casa e ci siamo detti che questo è merito assolutamente di una nuova aria che si comincia a respirare nella nostra citt . Crediamo che mai, in passato, un’associazione come “TempoLibero”, slegata da interessi particolaristici e politici, avrebbe avuto asilo cos facilmente nel famigerato Pan. Un gruppo dei nostri artisti di Incendium era solito affermare che il Pan bisognava okkuparlo, (con la K, come si fa per le scuole!). E invece … è bastato un buon progetto per essere ospitati con gentilezza e spirito di collaborazione da operatori capaci e volenterosi che …vanno a lavoro in bici e creano atmosfere accoglienti e consone ad un vero Palazzo delle Arti, luogo in cui la citt  può liberamente esporre la propria arte. Non è poco emi piace sottolinearlo!
Torniamo agli artisti che ancora una volta si sono superati in tanti hanno optato per donare l’opera non venduta all’asta alla nostra associazione facendo in modo che Incendium potesse continuare.
Per questa stagione estiva, fino a settembre, 35 artisti saranno in mostra nei raffinati spazi di Yao Restaurant a Posillipo (n.319). Gli avventori saranno informati sul progetto e chiss  quanti vorranno essere solidali e acquistare le opere.
Questi i nomi degli artisti

SERGIO ANGELI, MATHELDA BALATRESI, NIL BIRGOREN, GIANNETTO BRAVI, GEROLAMO CASERTANO, ANNA E ROSARIA CORCIONE, VITTORIO CORTINI, MARIA CREDIDIO, LAURA CRISTINZIO, ROSA CUCCURULLO, MARIA PIA DAIDONE, GIANNI DE TORA, MARIO DI GIULIO, PEPPE ESPOSITO, LUIGI GUARINO, MARIA LA MURA, FRANCO LISTA, ALFONSO MANGONE, GABRIELE MARINO,ROSARIA MATARESE, ROSA PANARO, PEPPE PAPPA, STEFANO PARISIO PERROTTI, ANTONIO PICCOLO, NINO CARMINE PITTI, MICHELE PRINCIPATO TOSSO, MAURO REA, GUALTIERO REDIVO, ANGELO RIVIELLO, ENZO RUJU, VITO SARDANO, ANNA SECCIA, FRANCO SERGIO, TONY STEFANUCCI,             6                 è« «    oè  á«sptBLlibrineBlinkBBd dBd d«BpGBB«7Be«BEBBèMODEBHlèNOèBB» OJBe
BtnBBBBRpeBKKKBYBBTBB DBeS pHKBUNIONBLBB time B e
BEBTB pMBSUPERBS swe7BBBBE
B7BlBKBpDnK
BB»EWHEREUSINGB B B»RLIKERESETBeNULLBSHAREBSLAVErBPSIGNMIDptkoi8uBBBBRTRIMeROWS pBtxxïïxxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxáá    BáØ Bt  B       «t Bt BáØ  « B K  B      B î K« 
   B    BØt K  t 
   B B  èî B è èî B  î î B»   B  è  —t  Bt   B î èî B  B   B B  è B    îB îî Bl a —  B  î   B 
 B   B îî B îè B îèî  w B è B îïn   B    a> B   îï    w BILIA TUFANO, FRANCESCO VERIO.

La rassegna, da settembre, diventer  itinerante e altri artisti che hanno esposto per INCENDIUM si aggiungeranno per le successive tappe per consentire una più ampia raccolta fondi a beneficio di Citt  della Scienza.
Ciò che conta è non demordere, sentirsi soddisfatti dei risultati ottenuti fino ad oggi, dei consensi raccolti e dell’apprezzamento di quanti hanno ammirato la seriet  con cui ogni passaggio è stato portato avanti. La somma raccolta, grande o piccola che sar  quando tutte le ulteriori iniziative saranno concluse, sar  a disposizione di Citt  della Scienza per un qualcosa, progetto o elemento ricostruito, che ricorder  la tenacia e la generosit  degli artisti e della piccola-grande associazione che è TempoLibero.

*presidente dell’ associazione TempoLibero (in alto, nella foto, di Nando Calabrese). Nell’immagine in basso, opere esposte al ristorante Yao di via Posillipo

LA CARICA DEI 139 AL PAN
Gli artisti che hanno partecipato alla mostra e all’asta
Ahmad Alaa Eddin, Giancarlo Altamura, Sergio Angeli, Michele Attianese, Michele Auletta, Vincenzo Aulitto, Mathelda Balatresi, Aniello Barone, Ludovica Bastianini, Antonio Biasiucci, Nilgun Birgoren, Giosè Bonsangue, Annamaria Bova, Gloria Bova (Globoart), Giannetto Bravi, Raffaella Campolieti, Alma Carrano, Claudio Carrino, Angelo Casciello, Gerolamo Casertano, Maria Luisa Casertano, Gabriele Castaldo, Marina Cavaniglia, Gianni Celano Giannici, Cherish Gaines, Marisa Ciardiello, Franco Cipriano, Chiara Coccorese, Assunta Colucci, Anna Coppola, Pasquale Coppola, Anna E Rosaria Corcione, Luisa Corcione, Vittorio Cortini, Chiara Corvino, Maria Credidio, Laura Cristinzio, Rosa Cuccurullo, Maria Pia Daidone, Riccardo Dalisi, Francesco Paolo De Siena, Gianni De Tora, Gerardo Di Fiore, Mario Di Giulio, Francesca Di Martino, Antonio Di Rosa, Fabio Donato, Gianfranco Duro, Lello Esposito, Peppe Esposito, Luciano Ferrara, Nunzio Figliolini, Diana Franco, Ellen G, Clara Garesio, Giuseppe Gargiulo, Luigi Guarino, Carlo Improta, Claudio Infante, Nicca Iovinella, Mauro Kronstadiano Fiore, Maria La Mura, Mario Lanzione, Giuseppe Antonello Leone, Carla Leonelli, Ugo Levita, Franco Lista, Pietro Loffredo, Francesco Lucrezi, Antonio Manfredi, Alfonso Mangone, Elio Marino, Gabriele Marino, Augusto Massa, Rosaria Matarese, Michele Mautone, Clara Menerella, Pino Miraglia, Daniela Morante, Gruppo Mutandis, Laura Niola, Maya Pacifico, Luigi Pagano, Renata Pagano, Mena Pagnani, Rosa Panaro, Peppe Pappa, Ilaria Parente, Silvana Parente, Stefano Parisio Perrotti, Gloria Pastore, Giuseppe Pecoraro, Aulo Pedicini, Daniela Pergreffi, Vincenzo Perna, Mario Persico, Antonio Picardi, Antonio Piccolo, Oreste Pipolo, Giuseppe Pirozzi, Nino Carmine Pitti, Gianni Pisani, Michele Principato Trosso, Annamaria Pugliese, Maria Racana, Loredana Raciti, Mauro Rea, Gualtiero Redivo, Carmine Rezzuti, Clara Rezzuti, Mario Ricciardi, Sergio Riccio, Michelangelo Riemma, Angelo Riviello, Maria Roccasalva, Enzo Ruju, Mimma Russo, Amedeo Sanzone, Vito Sardano, Quintino Scolavino, Anna Seccia, Semmai Factory, Eugenia Serafini, Rosita Sergi, Gianfranco Sergio, Silvana Sferza, Giancarlo Sivero, Tony Stefanucci, Antonello Tagliaferro, Ernesto Terlizzi, Marianna Troise, Ilia Tufano, Veronica Vecchione, Francesco Verio, Carla Viparelli, Salvatore Vitagliano, Elio Waschimps, Salvatore Zacchino, Aldo Zanetti